Chicche di Maremma: la leggenda del drago della Selva che terrorizzava i santafioresi

Più informazioni su

SELVA – C’era un drago nei boschi della Selva, frazione del Comune di Santa Fiora.

Siamo nel 1439, quando la famiglia Sforza subentrò agli Aldobrandeschi alla guida del borgo amiatino dopo il matrimonio tra Cecilia Aldobrandeschi e Bosio Sforza. Si racconta che il drago, il “Cifero Serpente” che da quel momento iniziò a terrorizzare i santafioresi, si stabilì nei boschi della Selva proprio perché scontento di questo passaggio di signoria. Ma c’era anche chi diceva che la bestia fosse al soldo dei governanti, che così tenevano in riga la popolazione.

Passano gli anni, e alla guida della Contea di Santa Fiora troviamo Guido Sforza, figlio di Cecilia e Bosio. I frati che vivevano nei dintorni della Selva, in quello che poi diventerà il Convento della Santissima Trinità, impauriti dalla presenza del terribile e ferocissimo drago, chiesero aiuto al conte.

Guido Sforza, così, decise di andare nel bosco e sconfiggere il “Cifero Serpente” da solo. Per attirare il drago usò il suo scudo lucidato a specchio: il drago credette di vedere un suo simile e si avvicinò, e il conte lo infilzò con una lancia, trapassandolo e uccidendolo. Ne mozzò la testa, che consegnò parte ai frati perché mostrassero ai contadini la morte del drago, e parte alla chiesa di Trinità dei monti a Roma.

Alla Selva fece costruire il convento della Santissima Trinità, dove la testa è ancora conservata.

La leggenda, secondo gli esperti, ha un fondo di verità. Sembra che il conte Sforza avesse un fossato, con i coccodrilli. Uno di questi coccodrilli era fuggito, facendo strage di animali alla Selva. Quando i frati lamentarono la situazione il conte capì subito cos’era successo, per questo decise di andare da solo nel bosco per uccidere quello che era un semplice coccodrillo.

Nella sagrestia della chiesa del Convento della Trinità della Selva è tuttora in mostra una mascella di un grande animale che si racconta essere quella del drago che spaventò Santa Fiora. In realtà si tratta del teschio di un coccodrillo del Nilo, ma la leggenda del drago è più affascinante, no?

Drago della Selva

Più informazioni su

Commenti