Proroga concessioni balneari: al via le domande. Come fare

ORBETELLO – Dopo l’approvazione della delibera da parte della Giunta Casamenti, è stato pubblicato l’avviso per la presentazione di istanza di estensione delle concessioni demaniali al 2033.

Tutti i titolari di concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreativa come disciplinate dall’articolo 1 del decreto-legge 5 ottobre 1993, 400, convertito, con modificazioni, dalla legge 494 del 4 dicembre 1993, possono manifestare la propria volontà di poter fruire dell’estensione della validità delle concessioni al 31 dicembre 2033 presentando apposita documentazione entro il termine della validità delle stesse concessioni.

I concessionari interessati a fruire dell’estensione della validità delle concessioni al 31 dicembre 2033 devono esprimere la propria volontà presentando la seguente documentazione:

• comunicazione rivolta all’Ufficio Demanio Marittimo contenente le generalità del titolare, gli elementi identificativi dell’atto concessorio e quanto altro ritenuto necessario ai fini del procedimento;

• autocertificazione resa nelle forme di legge circa l’iscrizione della ditta concessionaria alla Cciaa nella specifica sezione;

• autocertificazione di regolarità in ordine alla normativa antimafia ed assenza di carichi pendenti resa ai sensi dell’articolo 46 del D.P.R. 445/2000 (T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa);

• planimetria aggiornata dello “stato di fatto” redatta da tecnico abilitato con accurata specifica di ogni utilizzo delle diverse zone demaniali e relativa distinta delle superfici (per ogni opera riportare: metri quadri di occupazione, destinazione d’uso, classificazione tecnico giuridica tra area scoperta, facile rimozione, difficile rimozione, pertinenza demaniale);

• asseverazione dello stesso tecnico di cui sopra: dell’evidenza che non vi sono opere ulteriori rispetto a quanto descritto nello “stato di fatto”; che lo stesso “stato di fatto” risponda esattamente a quanto autorizzato nella concessione demaniale di cui si chiede la proroga ed a quanto risulta nel modello D1 (o D3 in caso di modifiche) depositato in atti e caricato sul Sistema Informativo Demaniale.

“Grande soddisfazione da parte della nostra Amministrazione comunale – dichiara il sindaco – per una ulteriore risposta concreta e un altro punto portato a compimento”.

Commenti