Toscana 2020: la Lega presenta la sua squadra: ci sono anche due sindaci e il segretario

SAN VINCENZO – Andrea Ulmi, Francesca Travison, Diego Cinelli, Paola Piu. L’annuncio è giunto a San Vincenzo, durante la festa della Lega di Livorno, alla presenza di Matteo Salvini. Saranno loro i quattro candidati del Carroccio per il consiglio regionale che correranno nel listino provinciale di Grosseto.

«L’obiettivo è quello di portare, per la prima volta, un rappresentante maremmano della Lega in consiglio regionale, restituendo al centrodestra quel consigliere che manca da quando il numero dei membri dell’assemblea è stato ridotto».

Una Lega, dunque, che fa scendere in campo alcuni dei suoi pezzi da novanta. Andrea Ulmi, 63 anni, segretario provinciale del Carroccio e capogruppo in consiglio comunale, medico attuale presidente provinciale degli odontoiatri e nel passato anche presidente provinciale e regionale dell’Andi, il sindacato dei dentisti. Francesca Travison, 59 anni, imprenditore e sindaco di Scarlino, comune da lei conquistato dopo 60 anni di Governo ininterrotto della sinistra. Diego Cinelli, 44 anni, imprenditore agricolo, sindaco di Magliano in Toscana, altro primo cittadino che ha vinto nel suo comune dopo quasi sette decenni di governo di centrosinistra. Paola Piu, 60 anni, residente a Sticciano, nel comune di Roccastrada, responsabile amministrativo del partito e da anni impegnata nel Carroccio, per il quale era stata candidata alle elezioni amministrative di Grosseto.

“Una squadra forte – è il commento del segretario Andrea Ulmi – per raggiungere un traguardo che è alla nostra portata. Lo sarà sicuramente in caso di vittoria, dove andremo a giocarci anche qualcosa di più di un consigliere regionale, ma anche, seppur al momento non la vogliamo neppure prendere in considerazione, di una sconfitta. I numeri e la forza che la Lega ha dimostrato a Grosseto negli ultimi anni, e quelli raggiunti in Toscana ed in Italia, ci dicono che il vero voto utile per il cambiamento, affinché un maremmano entri in consiglio regionale, sia quello dato alla nostra lista ed a Susanna Ceccardi che sarà l’alfiere di tutta la coalizione. Come Lega contiamo di viaggiare sul solco tracciato dal successo personale di Mario Lolini alle regionali di cinque anni fa, che non ottenne il seggio solo a causa di una legge elettorale che penalizza il nostro territorio, e sulla sua successiva elezione alla Camera. Questa volta, però, nonostante regole che non aiutano la provincia di Grosseto, l’obiettivo è concreto”.

Commenti