I militari a lavoro per sanificare gli spazi culturali della città fotogallery

GROSSETO – Concluse ulteriori attività di sanificazione da parte del reggimento “Savoia Cavalleria” nel capoluogo maremmano, nei prossimi giorni sarà la volta del teatro degli Industri.

Nell’ambito delle capacità messe in campo dal personale dell’Esercito per contrastare l’emergenza epidemiologica legata al Covid-19, i nuclei dei Cavalieri paracadutisti, già entrati in azione negli scorsi mesi, hanno risposto alla richiesta formulata dal Comune di Grosseto relativa, questa volta, ai luoghi simbolo della Cultura in città: il museo archeologico e d’arte della maremma, la biblioteca “Chelliana” ed il teatro comunale.

Il coordinamento messo in atto tra la locale Prefettura ed il Comando Forze Operative Nord di Padova, ha consentito l’intervento del personale qualificato di “Savoia” nell’importante e concreto supporto non solo alla popolazione locale, che sta tornando a fruire di questi fondamentali servizi culturali, ma anche ai numerosi turisti italiani e stranieri che visitano la città durante l’estate.

La tipologia d’intervento messa in atto e la scelta mirata di alcune sale, è stata coordinata e concordata con i responsabili ed i restauratori del museo e della biblioteca, prevedendo l’utilizzo di presidi medici adatti all’uso negli spazi indicati al fine di igienizzare e abbattere la carica microbica ambientale. Attività similare viene condotta regolarmente presso gli uffici, corridoi e androni in uso al personale, nella sede del reggimento, permettendo lo svolgimento in sicurezza delle attività fondamentali alla vita di caserma nonché l’approntamento del personale di continuo impiego in Italia e all’estero.

I baschi amaranto della maremma, insieme a tutti i colleghi dell’Esercito, sempre presenti sul territorio nazionale al fianco dei propri concittadini, concorrono nella lotta al virus, mettendo in campo anche queste ulteriori capacità al fine di consentire un graduale ritorno alla normalità nel rispetto delle disposizioni di legge in vigore.

Commenti