Assegnazione Centri civici, Gambassi presenta esposto in Prefettura: «Serve trasparenza e legalità»

Più informazioni su

ROCCASTRADA – Mario Gambassi, consigliere di minoranza di ‘Cambiare in comune’ del comune di Roccastrada, ha trasmesso un esposto al prefetto di Grosseto affinché intervenga nei confronti del sindaco di Roccastrada “per ripristinare trasparenza e legalità nell’assegnazione dei Centri civici di proprietà pubblica”.

“Sono anni – dice Mario Gambassi – che i bandi per le assegnazioni dei Centri civici comunali sono scaduti. Attualmente la gestione degli stessi concessa dal Comune è in regime di prorogatio o di consegna ad-personam”.

“Già nel dicembre del 2017 – prosegue – la civica ‘Insieme per Roccastrada’ di Moreno Bellettini e Simonetta Baccetti chiedeva al sindaco Francesco Limatola di mettere in regola la gestione dei Centri civici tramite un apposito bando, ma la risposta del sindaco fu molto evasiva”.

“Successivamente, nell’aprile 2018 – va avanti–, la lista Insieme per Roccastrada, visto che il sindaco non aveva ancora fatto nulla, lo sollecitò ricevendo come risposta che entro l’estate di quell’anno le procedure sarebbero state concluse”.

“Questo secondo noi – commenta il consigliere – è un comportamento anomalo e non è più ammissibile, in quanto potrebbe dare adito a rapporti preferenziali con i soggetti che gestiscono in prorogatio da anni i centri stessi a scapito di chi invece è in attesa di partecipare legittimamente ai bandi”.

“Già nell’ottobre del 2019 – spiega l’esponente della minoranza – avevo presentato una interrogazione al sindaco con la quale chiedevo una data certa e definitiva della pubblicazione dei Bandi, così da dare la possibilità a tutti di parteciparvi, ma ad oggi ancora nulla vediamo all’orizzonte”.

“Con il nostro esposto – conclude Mario Gambassi – chiediamo quindi al prefetto di intervenire nei confronti del sindaco Limatola, affinché si attivi la procedura dei bandi per le nuove assegnazioni, visto che sono fermi da anni e la situazione ad oggi non è più sostenibile”.

Più informazioni su

Commenti