Lutto in Maremma: addio a Marco. «Ha insegnato a tutti la vera cultura del vino»

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – La Maremma piange uno degli attori più importanti del panorama enologico della nostra provincia. Nella notte è venuto a mancare Marco Lenzi proprietario insieme ai genitori Stella e Luciano dell’Enoteca castiglionese a Castiglione della Pescaia.

Estremamente gentile, cordiale, disponibile, ha insegnato a tutti la vera cultura del vino. Nella sua enoteca, un vero salotto delle eccellenti etichette espressione delle produzioni di tutto il mondo, riceveva, ogni appassionato con competenza e disponibilità.

«Con la morte di Marco Lenzi, scompare una figura di spicco del panorama enologico grossetano e non solo» afferma Antonio Stelli, delegato Ais Grosseto.

«La sua Enoteca, aperta dal nonno nel 1950 a Castiglione e passata di generazione in generazione fino a lui, rappresenta un’autentica istituzione per esperti di vino, appassionati o semplicemente per le persone che desiderano conoscere qualcosa di più su questo mondo affascinante. Animatore instancabile di tante manifestazioni legate al vino, con la sua profonda cultura e conoscenza, ha dato un contributo essenziale alla crescita di questo settore».

«Nel 2007 l’Enoteca castiglionese è stata insignita del prestigioso Leccio d’oro, il premio istituito nel 1994 dal Consorzio del vino Brunello di Montalcino e assegnato durante la manifestazione Benvenuto Brunello alle figure più significative dell’anno nel campo del vino e dell’enologia. Desidero esprimere la più profonda vicinanza, mia personale e a nome della delegazione Ais di Grosseto, al padre Luciano e alla madre Stella, cui vanno le nostre più sentite condoglianze».

Commenti