Confagricoltura: «65 milioni a fondo perduto per la modernizzazione in agricoltura»

GROSSETO – “Sessantacinque milioni di euro a fondo perduto per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nelle micro e piccole imprese agricole sono un elemento di rilievo per il settore primario. Una grande opportunità da non perdere, inserita nel bando ISI.” Il presidente di Confagricoltura Grosseto, Attilio Tocchi, plaude a questa misura, capace di modernizzare e mettere ancora più in sicurezza imprese e imprenditori.

“Teniamo conto – aggiunge – che questi incentivi per l’acquisto o il noleggio dei mezzi e dei macchinari agricoli più performanti, rendono l’agricoltura ancora più sostenibile, portando benefici agli operatori, all’ambiente e alla qualità del lavoro da essi espresso.” Il bando Isi Agricoltura 2019-2020 pubblicato dall’Inail, prevede infatti che ogni mezzo acquistato migliori il rendimento, la sostenibilità aziendale, riduca le emissioni inquinanti e fornisca una maggiore sicurezza riducendo i fattori di rischio per gli operatori.

“Di particolare interesse – continua il presidente di Confagricoltura Grosseto – è aver escluso il regime de minimis da questa misura, una soluzione che potrebbe trovare applicazione anche per i finanziamenti concessi dell’UE a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. L’altra novità che annuncia il numero uno di Confagricoltura Grosseto, frutto della azione dei suoi vertici nazionali in seno alle misure del DL Rilancio, è l’ammissione delle imprese agricole al bando Isi Covid, di prossima emanazione da parte dell’Inail, che destina risorse per l’acquisto dei dispositivi di sicurezza e prevenzione anti Coronavirus per i lavoratori del settore primario.

“Un altro bel successo – conclude – che mostra la grande attenzione di Confagricoltura verso le problematiche che attengono alla impresa agricola, sovente dimenticata a sé stessa”. Chi è interessato può contattare gli uffici di Confagricoltura Grosseto, in via Aurelia Antica, 46 allo 0564.438601.

Commenti