Nasce la “cooperativa di comunità Davide Lazzaretti”, i volontari si impegnano per il territorio

Più informazioni su

ROCCALBEGNA -A Roccalbegna sta nascendo la “Cooperativa di Comunità Davide Lazzaretti”. “Nel nostro piccolo comune – scrivono dalla cooperativa – avvertivamo il bisogno di dare una svolta, di rimboccarci le maniche e far rivivere il territorio”.

“Era da molto tempo che volevamo dare corpo e gambe alle nostre idee – affermano –  Appena uscito il bando della Regione Toscana sulle cooperative di comunità – già dimostratosi nella sua prima edizione uno strumento assai valido per la rivitalizzazione dei piccoli centri rurali e periferici – non abbiamo esitato a metterci in moto per costruire e strutturare una cooperativa capace di dare servizi e creare sviluppo all’interno della nostra comunità”.

“Scrivere il progetto è stato come tracciare un filo rosso- insiste la cooperativa –  per consolidare e rendere ancor più evidenti i legami già presenti all’interno dei pochi residenti del nostro comune. Abbiamo cercato di coinvolgere più persone e realtà possibili nel poco tempo che avevamo a disposizione. Siamo rimasti sorpresi dalla partecipazione entusiasta delle associazioni e dell’amministrazione comunale, che in questi mesi di attesa e di dialogo con la Regione ci ha sempre supportato attivamente”.

 

La “Cooperativa di Comunità Davide Lazzaretti” vuole essere allo stesso tempo soggetto imprenditoriale – che crea ricchezza attraverso lo sviluppo di un’attività economica autonoma –  e soggetto erogatore di servizi alla comunità.

“Tra i compiti-ì che ci prefiggiamo -aggiungono – ci sonol’organizzazione e gestione di attività turistiche di interesse sociale e culturale;la gestione e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, tramite recupero edifici sfitti o inutilizzati mediante la ricettività diffusa;l’erogazione di servizi utili alla popolazione e la gestione di spazi a tal fine; òìorganizzazione di attività artistiche, ricreative e di interesse sociale, incluse le attività di promozione e diffusione della cultura.

“Vogliamo perseguire questi obiettivi – ricordano- seguendo i principi del mutualismo, dell’uguaglianza e della condivisione dei saperi e delle buone pratiche. Nello spirito autentico di comunità che ci ha indirizzato nella stesura del progetto e che continua a guidarci”.

“Il nostro progetto  – fa ancora sapere l’associazione rientra tra i 16 finanziabili in tutta la Regione, tuttavia per partire abbiamo bisogno di dare seguito a tutta la nostra determinazione, attraverso la collaborazione di tutti coloro che hanno a cuore il benessere e la crescita sostenibile della nostra comunità.

Organizzeremo degli eventi in cui spiegheremo nel dettaglio il nostro progetto, e abbiamo già in mente una campagna di sottoscrizioni per raccogliere i primi fondi che ci consentiranno di affrontare alcune spese preliminari. Avremo bisogno dell’aiuto, delle idee e del supporto di tutti, perchè tutti, nessuno escluso, siamo parte di qualche comunità”.

Per informazioni e proposte cooplazzaretti@gmail.com o  3485497406.

 

 

Più informazioni su

Commenti