Minoranza contro il sindaco: «Contributi alle associazioni che organizzano sagre, con quali soldi?»

ORBETELLO – “Nel Consiglio comunale del 30 giugno scorso, l’Amministrazione ha portato, con un’integrazione dell’ultimo momento dell’Ordine del giorno, alcune delibere riguardanti provvedimenti per fronteggiare l’emergenza economica dovuta al Covid 19. L’unico punto valido riguardava l’esenzione degli esercizi commerciali dal pagamento del canone sull’occupazione del suolo pubblico, che faceva parte delle nostre proposte per gli aiuti alle famiglie e alle imprese protocollate il 10 aprile scorso. Gli altri punti riguardavano il differimento dell’ultima rata Tari del 2019 e l’esenzione dalla Tari per gli esercizi commerciali, ma solo relativamente agli ampliamenti concessi per favorire il distanziamento sociale: quindi un atto dovuto. In pratica ancora niente per le attività e le famiglie”.

A scriverlo, in una nota, i consiglieri dei gruppi Pd-Area riformista e Movimento 5 stelle.

“L’ultimo punto – proseguono dalla minoranza – riguardava la decisione dell’Amministrazione di non far svolgere le sagre.

Il sindaco ha assicurato che la decisione è stata condivisa in primo luogo dalle associazioni organizzatrici delle sagre per la difficoltà a far rispettare i protocolli anti Covid 19 e che l’Amministrazione provvederà a dare contributi straordinari, ma che non compenseranno i mancati proventi.

Come consiglieri di minoranza abbiamo preso atto di quanto dichiarato dal sindaco, ma abbiamo evidenziato che le normative nazionali e regionali consentono lo svolgimento delle sagre con gli appositi protocolli e infatti molti Comuni ne hanno ammesso lo svolgimento, tra cui quello confinante di Magliano in Toscana.

Abbiamo, poi, sottolineato che il mancato svolgimento delle sagre comporterà danni economici, oltre che alle associazioni, anche alle aziende dell’indotto locale.

Inoltre il sindaco non ha chiarito a quali servizi dei cittadini sottrarrà le risorse promesse per i contributi straordinari, perché la coperta delle risorse è molto corta, considerato che il Comune ha già dichiarato che ci sono circa 11 milioni e mezzo di crediti che difficilmente saranno riscossi dall’ente e oltre 18 milioni di debiti da pagare”.

 

Commenti