L’opposizione: «Qui la ripartenza non si vede. Il Comune dov’è, che fa?»

CASTEL DEL PIANO – “Il Comune di Castel del Piano deve essere più presente ed incisivo in aspetti quotidiani della vita della nostra comunità, ma non si vede in questa fase di ripartenza”.

A parlare Samuele Pii, capogruppo del gruppo Tradizione e innovazione all’opposizione in Consiglio comunale.

Partiamo dalla sicurezza – prosegue -: i nostri parchi pubblici sono privi della segnaletica sui comportamenti anti contagio da tenere, prescritta dal Dpcm dell’11 giugno scorso e dall’ordinanza 65 della Regione Toscana che prescrive la sanificazione giornaliera o frequente degli spazi giochi. L’assenza della comunicazione di queste norme comporta la rinuncia di molte famiglie a frequentare le aree verdi.

Aver collocato delle reti da calcio nella pista da pattinaggio al circolo del tennis favorisce gli sport di gruppo e gli assembramenti, oltre che escludere altri bambini che vorrebbero utilizzare la pista per correre, per girare in bici o con i pattini ovvero per l’uso propriamente corretto; anche l’alternativa dell’altalena genera delusione perché il seggiolino è rotto: quindi una famiglia con un bimbo o una bimba che non vogliono giocare a calcio o che vorrebbero giocare in sicurezza non trovano posto e vanno al parco dei cigni, ma duole dover notare che anche qui non c’è alcuna segnaletica anti-covid e spesso è molto affollato, pertanto, è necessario riportare i figli a casa o andare altrove dove i giardini pubblici sono più curati. Questa è scelta obbligata che spesso una famiglia si trova a fare tutti i giorni.

Pensiamo al rientro in classe a settembre dei nostri alunni e studenti: nell’ultimo Consiglio comunale la maggioranza non si è espressa in merito a come preparare le nostre scuole per la riapertura.

Leggiamo di un colloquio tra l’assessore Paola Ricci e la consigliera Sonia Giannelli con la dirigente del comprensorio scolastico Vannini: chiediamo che la giunta presenti al prossimo Consiglio comunale un piano dettagliato sulla messa in sicurezza dei nostri edifici scolastici.

Non basta restare in attesa delle nuove direttive ministeriali perché il Comune conosce bene le proprie scuole ed è nella posizione di poter anticipare alcuni interventi anti contagio a partire dal ricordare le norme basilari sul distanziamento sociale in ogni luogo frequentato dai bambini e dalle famiglie.

Il nuovo impulso più volte annunciato da questa maggioranza nell’ambito delle opere pubbliche non si vede: attendiamo ancora l’apertura dei cantieri che devono essere conclusi entro la fine dell’anno come dichiarato dal vice sindaco Luciano Giglioni.

Nell’ultimo Consiglio comunale – conclude Pii – l’unica novità significativa da un punto di vista del bilancio per le opere pubbliche è il finanziamento di un progetto di riqualificazione del prato della Contesso presentato nelle ultime settimane dell’amministrazione Franci. I progetti futuri e gli investimenti importanti di questa giunta ancora non abbiamo capito quali siano”.

Commenti