Sanità, Forza Italia: «La Maremma è la Cenerentola della Toscana. Più attenzione dalla Regione»

GROSSETO – “Stop all’opera di smantellamento della sanità maremmana da parte della Regione Toscana”.

A parlare il coordinatore provinciale di Forza Italia, Sandro Marrini.

“Grosseto non fa che essere terra di conquista, dove l’esecutivo regionale a trazione Pd fa il bello e cattivo tempo a scapito dei cittadini – sottolinea Marrini -, relegando la Maremma a Cenerentola della Toscana. Adesso basta: la situazione deve cambiare e la nostra provincia non può continuare ad essere penalizzata, soprattutto a livello di politiche sanitarie. I problemi, al di là della dialettica tipica di una campagna elettorale, sono sempre gli stessi e su cui da anni Forza Italia torna incessantemente: mancanza di personale, carenza di posti letto, di risorse strumentali e di una governance regionale illuminata, che smetta di trattare Grosseto come una terra da saccheggiare”.

“I posti letto devono essere calcolati in base alle esigenze della popolazione – spiega il coordinatore provinciale di Forza Italia -. Il personale sanitario va concordato con le organizzazioni sindacali: considerati anche i recenti e spiacevoli disguidi sugli infermieri, è palese la scarsa capacità di programmazione di alcuni dipartimenti. Le risorse strumentali vanno stabilite con gli operatori che lavorano in prima linea e non devono essere imposte dall’alto. I cittadini devono poter contare sulla sanità pubblica, la cui utilità è stata esplicata nella sua totalità, per chi ancora non ne fosse stato convinto, durante le fasi calde della pandemia; gli utenti, inoltre, devono poter chiamare il Cup e trovare qualcuno che dia loro risposte esaurienti”.

“Sappiamo che l’argomento è complesso, ma le idee su come risolvere le problematiche sono numerose e valide: ci auguriamo pertanto che la direzione generale e sanitaria facciano in modo, tramite la loro governance, di far sì che la nostra provincia diventi presto allo stesso livello delle altre in Toscana – termina Marrini -. La loro prima sfida sarà trovare un successore alla direttrice del Misericordia, Monica Calamai, che abbia quantomeno le stesse capacità decisionali e che continui nell’opera, già iniziata, di potenziamento dell’ospedale maremmano. Forza Italia vigilerà sempre sull’andamento della situazione e, come fa ormai da anni, non tarderà a segnalare le problematiche per il bene della cittadinanza, elezioni o meno”.

Commenti