Pitigliano e Massa fuori dalle zone agricole svantaggiate, Marras: «Subito un confronto per tutelare le aziende locali»

GROSSETO – “Ad un occhio poco attento queste classificazioni possono apparire come mera forma, ma in verità sono sostanza per le tante realtà medio piccole del nostro territorio che in base alla collocazione di un’area in una o nell’altra fascia possono accedere ad incentivi, sgravi o partire da basi di punteggio più favorevoli nell’accesso ai bandi” spiega Leonardo Marras, illustrando la mozione appena presentata.

“Raccolgo la sollecitazione del sindaco di Pitigliano sulla questione che, nella nostra provincia, interessa anche Massa Marittima, e con una mozione – prosegue – impegno la giunta ad attivarsi subito per avviare un confronto con il Governo ed individuare soluzioni che tutelino le aziende e gli imprenditori locali del settore agricolo e agrituristico.

Le zone ammissibili ad indennità sono di tre tipologie: zone montane, zone soggette a vincoli naturali significativi, diverse dalle zone montane e altre zone soggette a vincoli specifici.

Con il decreto del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali di pochi giorni fa – termina Marras – si è concluso il procedimento di identificazione delle aree soggette a vincoli naturali significativi diverse dalle aree montane e dall’elenco definitivo, per quanto riguarda la provincia di Grosseto, sia il comune di Pitigliano che quello di Massa Marittima risultano essere tra quelli non confermati nell’elenco delle ‘aree soggette a vincoli naturali significativi diverse dalle zone montane’”.

Commenti