Argentario escluso dal bando servizio anti-inquinamento, Marras: «Presidio importantissimo, va mantenuto»

MONTE ARGENTARIO – “In Toscana sono due i presidi anti inquinamento lungo la costa: a Piombino e a Porto Santo Stefano, escludere quest’ultimo vorrebbe dire lasciare scoperto un tratto di mare rilevante sia dal punto di vista chilometrico che da quello naturalistico dato che fa parte di ben due parchi naturali, il Parco dell’Arcipelago e il Parco della Maremma”.

A parlare Leonardo Marras, capogruppo Pd Regione Toscana, illustrando l’interrogazione che ha presentato alla giunta regionale.

“Queste navi – prosegue –, quella attraccata all’Argentario è la Jerzy, svolgono da tempo un ruolo fondamentale di controllo e pronto intervento a tutela dell’ambiente marino da possibili danni da inquinamento”.

Fanno parte del consorzio Castalia che per conto del Ministero dell’Ambiente svolge il servizio di salvaguardia con oltre 40 navi dislocate sull’intero territorio nazionale. Il nuovo bando ministeriale prevede, invece, 22 unità costiere e tra i porti interessati non c’è quello di Porto Santo Stefano.

“Ringrazio per la segnalazione e faccio mia la preoccupazione locale: chiedo alla giunta regionale di attivarsi con l’Autorità portuale regionale affinché sia mantenuta la presenza della nave nel porto dell’Argentario a tutela dell’ambiente e, non secondariamente, dei posti di lavoro dei dipendenti attualmente occupati nella Jerzy”.

Commenti