Grosseto Export presenta le nuove strategie digitali post-Coronavirus

Più informazioni su

GROSSETO – Grosseto Export dal 1974 fornisce servizi alle piccole e medie imprese produttrici del settore agroalimentare e vitivinicolo per favorire la loro internazionalizzazione, attraverso eventi B2B con importatori esteri della grande distribuzione, la consulenza tecnica e la partecipazione alle principali fiere internazionali di settore. Il Covid -19 ha costretto il Consorzio a progettare un nuovo modello di servizi, che si basa sulle tecnologie digitali per sostenere il rilancio e lo sviluppo dell’export, attraverso due piattaforme: My Gex e Export IT. La nuova strategia è stata presentata, con il patrocinio della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, nel corso di una videoconferenza sulla piattaforma Zoom.

“L’emergenza sanitaria ha provocato conseguenze pesantissime sul commercio internazionale – afferma Daniele Lombardelli, presidente di Grosseto Export – in tutti i settori, compreso quelo dell’agroalimentare, dove 3 aziende su 4 hanno registrato un calo delle vendite all’estero, con piogge di disdette da parte di clienti di tutto il mondo. Anche le aziende associate di Grosseto Export hanno visto in alcuni casi bloccarsi, in altri rallentare fortemente le vendite all’estero. Una situazione che si va ad aggiungere alle difficoltà che le aziende avevano già incontrato e che ancora oggi hanno sul mercato nazionale”.

“Contemporaneamente al calo dell’export – prosegue Lombardelli – e le rigide limitazioni negli spostamenti hanno provocato uno stravolgimento completo della stessa attività del consorzio Grosseto Export. È stato impossibile svolgere incoming, fiere, missioni e viaggi all’estero ed è stato impossibile programmare quelli futuri, visto il grande clima di incertezza che caratterizzerà anche i prossimi mesi, rispetto agli sviluppi della pandemia o al suo totale superamento.

Per questo abbiamo ripensato modalità e contenuti del modo di promuovere i nostri prodotti sui mercati internazionali. La ricetta vincente per la ripartenza economica può essere solo l’innovazione e noi abbiamo investito in tecnologie e competenze digitali. Per questo abbiamo realizzato due nuove app: My Gex e Export IT. Il consorzio come sempre, ancora una volta si evolve per rispondere in maniera adeguata alle esigenze dei propri soci e del mercato.”

My Gex è l’app per gestire le relazioni tra Grosseto Export e i suoi associati. Un portale con contenuti aggiornati in tempo reale che riguardano l’attività promozionale del Consorzio e i suoi servizi, la logistica, ma anche la finanza alle imprese, le norme alimentari e gli strumenti di marketing. Questa app è riservata esclusivamente ai soci del Consorzio che sono oltre 30.

Export IT sarà, invece, il canale principale di promozione e dialogo cono i mercati esteri, per mettere in comunicazione, tramite chat e videochat, le aziende italiane con gli operatori esteri del network costruito dal Consorzio. Il progetto inizierà con un target di almeno 100 tra operatori commerciali esteri, buyer della grande distribuzione, importatori, distributori e broker. “Questa app – sottolinea Gabriele Zappelli, direttore del Consorzio Grosseto Export – non sarà scaricata da migliaia di persone, ma solo da una selezione di utenti interessati ad interagire tra loro. Il Consorzio Grosseto Export avrà il compito di gestire questa comunità e di facilitare l’incontro tra domanda e offerta, aiutando i produttori a dare in modo corretto le informazioni sui nuovi prodotti, a comunicare promozioni, azioni di marketing o la propria partecipazione a fiere e worshop all’estero, usando l’applicazione come strumento privilegiato per le trattative commerciali. Ovviamente l’emergenza sanitaria ha reso questi strumenti di assoluta attualità ma anche con un ritorno, che ci auspichiamo nel più breve tempo possibile a una situazione “normale” e con la regolare ripresa del commercio internazionale, resteranno attivi e saranno implementati. Insomma, non tornerà tutto come prima: l’idea e l’impegno è quello di migliorarsi sempre.”

Più informazioni su

Commenti