#ballottaggio2020

Inceneritore, Di Giacinto: «Come farà Benini a stare con il Pd per Firenze ed esserne contro per Follonica»

Massimo Di Giacinto

Follonica – “Cambiano gli attori ma la commedia è sempre la stessa: il Partito democratico, attraverso le parole di Eugenio Giani, candidato alla presidenza della Regione Toscana per il centrosinistra, vuole l’inceneritore di Scarlino e – come lo stesso Giani ha inopportunamente dichiarato – potrebbe ricorrere addirittura ‘all’uso dei carri armati‘ pur di raggiungere l’obbiettivo”.

A scriverlo, in una nota, Massimo Di Giacinto, candidato sindaco di Follonica.

“Le frasi pronunciate – prosegue -, aldilà dello scivolone mediatico, non lasciano spazio al dubbio sul proposito di aprire l’inceneritore ad ogni costo, in totale disprezzo della volontà dei cittadini che desiderano un modello di gestione dei rifiuti completamente diverso.

Lo stesso disprezzo manifestato anche nei confronti dei Comitati ambientalisti che, in assenza di una politica coerente, stanno combattendo da anni una battaglia durissima contro la Regione Toscana alla quale piace farsi beffe delle sentenze che hanno affermato la totale inadeguatezza dell’impianto del Casone a bruciare rifiuti.

E mentre i carri armati del Pd schiaccerebbero la volontà dei cittadini si apre, grosso come una casa, il problema della credibilità del centrosinistra follonichese il cui partito di maggioranza, sempre il Pd, è guidato da Cinzia Tacconi che, al tempo del suo assessorato in Provincia, era tra i più ferventi sostenitori dell’inceneritore di Scarlino.

Non c’è niente da fare, tenere i piedi in due staffe non è più possibile: nell’ipotesi di election day sarà difficile per Andrea Benini stare con Giani ed il Pd per Firenze ed esserne contro per Follonica. Le cose non stanno insieme, problema di coerenza. Quella coerenza che si attua solo con una politica locale collegata a quella del territorio.

Per questo, ormai da mesi, sto lavorando con il sindaco di Scarlino Francesca Travison e con quello di Piombino Francesco Ferrari su tutte le questioni che ci riguardano, aldilà dei confini comunali, in una logica di area più vasta – conclude Di Giacinto -. Dopo la vittoria del ballottaggio Follonica, Scarlino e Piombino saranno unite, più che mai, nella difesa del territorio ed opereranno insieme per lo sviluppo del nostro Golfo”.

 

leggi anche
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Politica
Inceneritore, Forza Italia: «Ci mancavano solo i carri armati di Giani. Basta accanirsi sulla Maremma»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Il caso
Inceneritore, Comitato per il no: «Giani preferisce i potentati economici agli scarlinesi»
Andrea Benini programma
#ballottaggiofollonica
Inceneritore, Benini: «La Maremma non può diventare la pattumiera della Toscana per motivi elettorali»
Eugenio Giani
Il caso
Inceneritore, Giani chiarisce: «No alla riapertura, impianto obsoleto»
Lega bandiera (2018)
Politica
Inceneritore, Lega: «Il Pd fa il gioco delle tre carte. Serve cambiamento in Toscana e a Follonica»
Giacomo Termine
Politica
Inceneritore, Termine: «Pd contro la riapertura dell’impianto. Lega incoerente su tema rifiuti»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Politica
Inceneritore, In movimento per Follonica: «Quando era sindaco, Benini non ha fatto niente per trovare una soluzione»
Fratelli d'Italia 2019
Politica
Inceneritore, Fratelli d’Italia: «L’ennesimo teatrino della sinistra. Pd sempre più alla deriva»
bandiera Rifondazione
Politica
Inceneritore, Prc: «Bene che gli amministratori locali siano contro, ma le scelte si fanno in Regione»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Dalla regione
Inceneritore, stop alla nuova valutazione dell’impianto: il Consiglio regionale approva all’unanimità
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI