Petardo contro la casa della guida ambientale. Vetri in frantumi

Più informazioni su

ISOLA DEL GIGLIO – Un petardo, posizionato tra le tapparelle e il vetro di una casa ad Isola del Giglio. Una forte esplosione, che ha mandato in frantumi i vetri di una finestra della casa della guida parco Marina Aldi. I fatti risalgono al 22 maggio scorso, ma solo in questi giorni sono stati resi noti dalla stessa Aldi, che ha aspettato per consentire ai Carabinieri di svolgere le indagini.

E oggi ad intervenire è il gruppo consiliare Progetto Giglio, attraverso le parole di Guido Cossu e Paola Muti.

«Apprendiamo con molta amarezza del vile attentato, avvenuto a Giglio Castello, nei confronti di Marina Aldi e della sua mamma. Si tratta di un atto gravissimo che ci preoccupa e che merita tutta la nostra attenzione e la condanna unanime della popolazione. I mandanti e gli esecutori di tali azioni intimidatorie devono sentirsi isolati dal resto della comunità. Esprimiamo piena solidarietà a Marina che, con grande passione, difende da sempre i beni culturali e ambientali del nostro territorio» affermano i due consiglieri.

L’esplosione, anche secondo quanto riportato da Giglio News, è avvenuta nella casa che la donna condivide con l’anziana madre di 86 anni, in piazza della Rocca a Giglio Castello. Non sarebbe neppure la prima volta che la guida ambientale viene presa di mira. In passato ad essere danneggiata era stata la sua auto.

Quello posizionato tra il vetro e le tapparelle di una porta finestra sarebbe stato un comune petardo che si trova in vendita nei negozi nel periodo di carnevale. La posizione, il fatto che si trovasse tra la persiana e il vetro, ha fatto da cassa di deflagrazione, potenziandone la forza esplosiva. Tanto che è riuscito a spaccare il vetro della porta finestra mandandolo in frantumi.

Più informazioni su

Commenti