La vela follonichese riparte fra cautela e nuove soluzioni in vista del campionato Classi Olimpiche

FOLLONICA – Dopo la iniziale ripartenza delle attività agonistiche e la riapertura della struttura dal 25 maggio, il 15 giugno riprende come ogni anno la scuola di vela per ragazzi e per adulti del Gruppo Vela della sezione LNI di Follonica.

A causa dell’applicazione dei protocolli di sicurezza anti-contagio quest’anno si rendono necessarie alcune limitazioni. Oltre a un ridotto uso della struttura, come ad esempio lo svolgimento delle lezioni teoriche all’aperto anziché nell’aula didattica, prima fra tutte le limitazioni, e forse la più penalizzante, sarà il numero ridotto di partecipanti per ciascun corso. Nei mesi di chiusura istruttori e dirigenti si sono impegnati per trovare le soluzioni più idonee per una ripartenza in sicurezza salvaguardando l’interesse primario di tutelare la salute degli allievi e degli atleti mantenendo al contempo uno standard didattico e formativo analogo al passato. Grazie al lavoro dei volontari e degli istruttori è stato possibile adeguare la sede di Viale Italia 321 permettendone la realizzazione di tutti quegli apprestamenti e accorgimenti imposti dai protocolli atti a scongiurare e prevenire al minimo ogni rischio di contagio.

Nonostante la pandemia, quindi, la vela nel golfo non si ferma, ma al contrario riparte con un nuovo vigore. I dirigenti della sezione sono ora impegnati per studiare assieme alla Federazione Italiana Vela, soluzioni logistiche e gestionali che permettano lo svolgimento in tutta sicurezza delle grandi manifestazioni veliche previste e, nonostante la pandemia, ad oggi rimaste nel nel calendario federale che si dovrebbero svolgere a Follonica nel prossimo settembre grazie alla consolidata sinergia dei circoli del Golfo. A meno di sciagurate riprese del contagio a livello nazionale, il Campionato Italiano Classi Olimpiche, la più importante manifestazione velica per derive, dovrebbe portare nella cittadina del Golfo centinaia di atleti e accompagnatori, fornendo un po’ di ristoro alle strutture turistiche e ricettive del golfo.

Commenti