Via libera al peep tra Villaggio Curiel e Sterpeto «Parte la riqualificazione»

GROSSETO – Il consiglio comunale di Grosseto ha dato il via libera all’adozione del piano attuativo dell’area compresa tra il Peep ad ovest del villaggio Curiel ed il cimitero di Sterpeto. Si tratta di un primo passo verso la riqualificazione dell’area di quasi 88mila mq, attualmente non edificata, delimitata verso nord dall’area demaniale del canale diversivo, verso est dalla precedente edificazione, e verso sud-ovest dal territorio aperto.

“Gli interventi previsti perseguono un obiettivo generale di riqualificazione urbanistica attraverso la riorganizzazione e la ridefinizione della zona da destinare a finalità residenziale, di edilizia residenziale sociale e commerciale”.

Qui verranno presto avviati interventi sul sistema viario il cui scopo è quello di alleggerire e mitigare parte del traffico che oggi si concentra sul tratto di via Senese dall’incrocio di via Lago d’Orta fino a piazza Volturno.

I lavori vogliono creare un percorso alternativo di collegamento tra via Lago di Varano e via Senese lungo viale D’Orta di cui è previsto l’adeguamento della sezione stradale e il completamento fino alla residenza per anziani. È prevista inoltre la realizzazione di due rotatorie, una su via Senese, l’altra in corrispondenza con l’innesto viario di via Lago d’Orta e l’attraversamento del Canale diversivo.

“L’adozione del piano attuativo del Peep Curiel rappresenta un grande passo in avanti per la valorizzazione e riqualificazione di una zona altrimenti a rischio degrado – evidenziano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore all’Urbanistica Fabrizio Rossi -. Gli interventi di predisposizione ad una viabilità strategica mirata alla moderazione del traffico in un tratto soggetto spesso ad ingorghi sono pilastri importanti che si inseriscono in un più ampio progetto di riqualificazione cittadina ideato ed implementato da questa Amministrazione che persegue obiettivi di sviluppo, occupazione, riqualificazione urbana e crescita economica”.

Commenti