Riaprono piscine, palestre e centri sportivi: ecco le regole da seguire

Più informazioni su

GROSSETO – Oggi riaprono piscine, palestre e centri sportivi. Ovviamente sono previste prescrizioni stringenti sia per gli allenament di squadra che per quelli individuali e tutta una serie di comportamenti corretti a cui attenersi.

Tutto è improntato al minimo contatto e al distanziamento fisico. Tanto che sarà necessario stilare un calendario per le prenotazioni e gli accessi così da evitare assembramenti e il registro delle presenze dovrà essere tenuto per almeno 14 giorni.

Servirà, come ovunque, un dispenser per l’igienizzazione delle mani dei clienti, il gestore potrà, se vorrà, misurare la temperatura corporea degli utenti, impedendo l’accesso in caso sia superiore a 37,5.

Per poter utilizzare sale e spogliatoi sarà necessario organizzare gli spazi così da garantire la distanza di sicurezza di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere), anche regolamentando l’accesso agli spogliatoi. Si richiede di evitare l’uso di applicativi comuni, quali asciuga capelli, ecc… che al bisogno dovranno essere portati da casa.

Dovrà essere garantita la pulizia dell’ambiente e dei macchinari, anche più volte al giorno (tipo tra un turno e l’altro) e impedire l’uso dei macchinari che non possono essere sanificati. Spogliatoi e armadietti, a fine giornata dovranno comunque sempre essere sanificati.

Evitare di lasciare in luoghi condivisi con altri gli indumenti indossati per l’attività fisica, ma riporli in zaini o borse personali e, una volta rientrato a casa, lavarli separatamente dagli altri indumenti. Bere sempre da bicchieri monouso o bottiglie personalizzate. Gettare subito in appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri materiali usati (ben sigillati).

Devono essere previste specifiche attività di filtrazione dell’aria nei locali chiusi ad alta densità di persone o di attività, ad esempio tramite purificatori di aria dotati di filtri Hepa destinati a diminuire la quantità di aerosol.

Coloro che praticano l’attività, hanno l’obbligo: di disinfettare i propri effetti personali e di non condividerli (borracce, fazzoletti, attrezzi, ecc..); di arrivare nel sito già vestiti adeguatamente alla attività che andrà a svolgersi o in modo tale da utilizzare spazi comuni per cambiarsi e muniti di buste sigillanti per la raccolta di rifiuti potenzialmente infetti; di non toccare oggetti e segnaletica fissa.

Per le modalità di accesso alle piscine, che richiedono inevitabilmente l’utilizzo dei servizi igienici, spogliatoi/docce, dovrà essere predisposto personale che assicuri il rispetto delle basilari misure di igiene di tutela sanitaria, nonché di distanziamento e dovranno essere assicurate le misure predisposte dai Protocolli attuativi emanati dell’Ente sportivo di riferimento. La densità di affollamento nelle aree solarium e verdi è calcolata con un indice di non meno di 7 metri quadri di superficie di calpestio a persona. La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 metri quadri di superficie di acqua a persona. A questo LINK le linee guida del Ministero.

Più informazioni su

Commenti