Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cgil: «Senza stipendio da marzo». I lavoratori proclamano lo sciopero

Più informazioni su

GROSSETO – «Quaranta lavoratori senza stipendio da marzo. Sia quelli che lavorano, sia quelli a cui l’azienda non ha anticipato la cassa integrazione. È la situazione nella quale si trovano i dipendenti di Sittel Spa, grossa impresa nazionale del settore delle telecomunicazioni che ha un’unità operativa a Grosseto, in via Zircone». A scriverlo, in una nota, Furio Santini, della segreteria Fiom Cgil.

«Gli operatori di Sittel – spiega Santini – sono esasperati dall’atteggiamento dell’azienda e lunedì hanno tenuto in videoconferenza un’assemblea con la Rsu che ha proclamato otto ore di sciopero per il mancato pagamento degli ultimi stipendi di marzo e aprile. Creando una situazione di difficoltà estrema non più tollerabile ai lavoratori e alle loro famiglie. Una prima iniziativa che s’inserisce nello stato di agitazione proclamato da Fim, Fiom e Uilm nazionali, con un pacchetto di 40 ore di sciopero».

«Ben al di là delle difficoltà economiche patite dai lavoratori nelle settimane scorse – aggiunge Santini -, Sittel ha anche avuto il coraggio di comunicare alle organizzazioni nazionali la disdetta unilaterale del contratto collettivo nazionale metalmeccanico a partire dal 1° agosto, compresi tutti i vigenti accordi aziendali applicati ai dipendenti. Anche per questo, parallelamente allo sciopero che si è svolto nelle giornate di martedì e mercoledì, un gruppo di lavoratori ha presidiato i cancelli del cantiere di Grosseto nel rispetto delle normative vigenti».

«Questa situazione non è evidentemente più accettabile e rende i rapporti con l’azienda ancora più difficili, rispetto a relazioni sindacali già compromesse. La Fiom di Grosseto – conclude Santini – rimarrà come sempre a fianco dei lavoratori che stanno lottando per i propri diritti. E non cederà di un millimetro finché non saranno corrisposte le spettanze dovute e ripristinate le condizioni contrattuali».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.