Quantcast

ULTIM’ORA – Spiagge agli stabilimenti balneari fino al 2033: concessioni estese per 48 imprenditori

GROSSETO – Concessioni demaniali estese fino al 2033. Lo spettro della direttiva Bolkestein sembra scongiurato perché, notizia ufficiale di pochi minuti fa, per 48 imprenditori del settore balneare che operano nel comune di Grosseto le concessioni sono state estese per altri 13 anni.

Si tratta naturalmente delle spiagge del Comune e in particolare di Marina di Grosseto.

«La giunta comunale di Grosseto – spiega il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna – estende le concessioni demaniali marittime fino al 2033. Sono scaduti i termini dell’avviso di evidenza pubblica cui l’Amministrazione comunale ha proceduto rendendo noti tutti i dati dei concessionari, il numero degli stessi, la data di scadenza delle concessioni e lo scopo delle concessioni. Nessuna osservazione e domanda concorrente sono arrivate al Comune di Grosseto, che conferma ed estende così le concessioni demaniali marittime al 2033 per 48 imprenditori del settore balneare».

Ulteriori dettagli saranno comunicati nella conferenza stampa delle 12,30 che seguiremo aggiornandovi sui provvedimenti presi dal Comune di Grosseto e sui riflessi che avranno sul settore dei balneari.

«L’amministrazione ha lavorato per armonizzare le disposizioni della normativa italiana – ha spiegato Riccardo Megale – assessore ai lavori pubblici – Questa è una risposta importante e politica anche in un momento difficile come questo per il turismo. La nostra delibera intanto potrebbe diventare anche un modello visto che già diversi comuni che ci hanno contattato per capire come abbiamo lavorato dal punto di vista amministrativo».

Con questo atto sono state create le condizioni per la proroga delle concessioni che sarebbero scadute il prossimo 31 dicembre. Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi tutto l’iter procedurale sarà completato.

Soddisfazione sull’iniziativa del Comune di Grosseto è stata espressa dalle associazioni di categoria dei balneari Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato.


Commenti