Scarlino

Inceneritore, Russo: «La posizione dei politici è di “no a prescindere”. Ma nessuno propone alternative»

Maurizio Russo

SCARLINO – “Dopo l’avvio, da parte delle Regione Toscana, dell’ennesima procedura autorizzativa all’inceneritore di Scarlino, sono nuovamente divampate le ormai storiche polemiche, tramite stampa e social network, su questo ‘maledetto’ impianto industriale. Oggi non voglio solo ricordare le tragedie personali che hanno vissuto e purtroppo stanno ancora vivendo decine di ex lavoratori della Scarlino Energia SpA e delle innumerevoli promesse, da marinaio, fatte da politici, troppo distratti dalla passata campagna elettorale, per pensare
seriamente al loro futuro; ma vorrei anche esprimere pragmaticamente il mio modesto parere, non assolutamente tecnico, su questa particolare questione”.

A scriverlo, in una nota, Maurizio Russo, segretario provinciale Chimici Cisal.

“A tal proposito – prosegue -, è importantissimo ricordare che la Comunità europea ci dice che quello dei rifiuti è un ciclo composto da cinque parti, nessuna delle quali può essere trascurata: ridurre al minimo la produzione; differenziare la raccolta in modo da recuperare alcuni materiali; riutilizzare tramite un ciclo industriale quanto viene differenziato; recuperare l’energia contenuta nella trazione residua dei rifiuti, proprio attraverso gli impianti di termovalorizzazione; mettere a discarica l’ulteriore residuo, che rappresenta la parte più negativa dei passaggi.

Dunque, piacciano o non piacciano, gli inceneritori fanno parte a pieno titolo del ciclo dei rifiuti, perché è la stessa economia circolare che impone il recupero energetico.

Ormai, purtroppo, è conosciuta da anni la posizione del ‘no a prescindere’ dei sindaci e vari politicanti del territorio – ahimè si è aggiunta ultimamente anche la leghista dell’ultima ora di Scarlino -, che per semplice tornaconto elettorale sono costretti, da sempre, a strizzare l’occhio ai vari Comitati ambientalisti, senza proporre mai credibili soluzioni alternative all’incenerimento e soprattutto al futuro occupazionale del territorio, che dovrebbero invece rappresentare in tutte le sue parti.

Infatti, è incomprensibile che uomini e donne eletti per governare i problemi, possano rispondere alla domanda se si è favorevoli, oppure no al termovalorizzatore, quando ormai abbiamo chiaramente capito che, anche grazie alle loro scelte sulla filiera dello smaltimento dei rifiuti, oggi non è più possibile formulare la domanda stessa.

Ecco perché dovremmo affidarci esclusivamente al lavoro e agli studi delle Istituzioni pubbliche preposte alla salvaguardia ambientale e sanitaria, prima di esprimere un giudizio in merito a una questione culturale così spinosa, che non è possibile banalizzare appellandosi solo alla salute pubblica.

Dopo l’ultima ‘chiusura’ – conclude – sono rimasti, nell’Impianto di Scarlino, solo pochi lavoratori nell’attesa snervante di nuove autorizzazioni, mentre la maggioranza degli ex dipendenti, ancora ad oggi, risulta precaria o addirittura disoccupata, però ancora nessun paladino del ‘No a prescindere’ sembra accorgersene”.

leggi anche
Manifestazione antifascista Anpi 8 settembre 2018 Pci Partito comunista italiano
Scarlino
Inceneritore, Pci: «In 40 anni tanto teatro ma nessun progetto alternativo»
coordinamento comunale di Forza Italia Scarlino
Scarlino
Inceneritore, Forza Italia: «La Regione pensa al profitto economico sulla pelle dei cittadini»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Politica
Inceneritore di Scarlino, Stella e Maestrini: «Sconcertati. Speriamo che il sindaco mantenga la posizione»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Scarlino
Inceneritore, Forum ambientalista: «Se torna in funzione, denunceremo i colpevoli»
Leonardo Marras
Scarlino
Inceneritore, Marras: «L’impianto è obsoleto, confermo la mia contrarietà»
Lega bandiera (2018)
Scarlino
Inceneritore, Lega: «Il Pd che amministra la Regione è una continua contraddizione»
Confronti Benini Di Giacinto 2020
#ballottaggiofollonica
Inceneritore, Di Giacinto: «La Regione vuole riaprirlo. Benini lasci il Pd se vuole essere credibile»
Andrea Benini programma
Politica
#BallottaggioFollonica, Benini: «Fermo il mio no all’inceneritore»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Scarlino
Travison: «Al via la valutazione per la ripartenza dell’Inceneritore. Contrari all’impianto»
Roberto Barocci
Politica
Barocci risponde alla Cisal: «Non è vero che non ci sono state proposte alternative all’incenerimento»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Scarlino
Destri: «Il procedimento per la Via all’Inceneritore è uno schiaffo al territorio»
Scarlino Energia Inceneritore 2018
Politica
Inceneritore, Forza Italia: «Ci mancavano solo i carri armati di Giani. Basta accanirsi sulla Maremma»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI