Autocertificazione Coronavirus «Devo vendere la marijuana light». Ne sequestrano dieci chili

FOLLONICA – Dieci chili di Cannabis sativa, la cosiddetta marijuana light, sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Follonica durante un controllo fatto il 16 aprile scorso.

marijuana sativa

Gli agenti della fiamme gialle hanno fermato un uomo, 33 anni, residente a Scarlino. Con sé aveva due chili di marijuana light. Nell’autocertificazione anti-covid l’uomo motivava lo spostamento per “ragioni di necessità”, dichiarando di recarsi in un’altra località per vendere il “prodotto” ad alcuni clienti, senza, però, «essere in possesso di alcuna documentazione fiscale attestante sia l’acquisto che la successiva rivendita».

Poiché l’uomo non aveva alcuna autorizzazione e licenza per la vendita di questa tipologia di sostanza, la marijuana è stata sequestrata amministrativamente. I successivi accertamenti nell’appartamento hanno portato al sequestro, sempre amministrativo, di altri otto chili di cannabis sativa.

L’intera partita di merce, dieci chili per il valore stimato di 15 mila euro, è stata sequestrata. L’uomo rischia una multa tra i 2.500 e i 15.000 euro per aver effettuato attività commerciale di vendita di “Marijuana light” senza il possesso di alcuna autorizzazione o licenza. Il proprietario e un’altra persona che viaggiava con lui a bordo del veicolo, sono stati anche sanzionati per essersi spostati in assenza di giustificati motivi.

Commenti