Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, Benini lancia un piano per affrontare l’emergenza e la rinascita: «Serve l’aiuto dei cittadini»

FOLLONICA – “Un piano per affrontare l’emergenza che stiamo vivendo e gestire, poi, la rinascita”. Lo ha lanciato ieri Andrea Benini, candidato sindaco di Follonica per il centrosinistra, nel corso di una diretta sulla sua pagina Facebook.

“Si tratta di una bozza – spiega Benini – che vorrei fosse integrata da proposte e idee di associazioni di categoria e dei cittadini”.

Il piano è consultabile sul sito www.andreabenini.eu e i cittadini potranno far arrivare le loro proposte attraverso i canali social di Benini o inviando un’email a andreabeniniperfollonica@gmail.com.

“E’ il tempo della determinazione, della follia, della concretezza, della velocità e della comunità – si legge nelle prime righe del programma -. L’unico modo per uscire vivi, e speriamo migliori, e non affondare, è avere la capacità di elaborare subito una visione che parta dall’emergenza di questi giorni, ma sappia anche sostenere la ripresa e la rinascita”.

“Occorre follia, per vedere lontano, e concretezza per studiare un nuovo approccio, un paradigma radicalmente nuovo rispetto a quello a cui siamo abituati”.

“Un modo per dare risposte alle famiglie, alle imprese, alle diverse categorie produttive e che crei un’alleanza tra enti pubblici, privati, associazioni sindacali e di tutela, volontariato e in cui i Comuni devono avere un ruolo fondamentale di raccordo e di spinta propulsiva: ma per farlo – spiega Benini – si deve migliorare la velocità di risposta, sburocratizzare i processi, liberare fondi per avere nuova liquidità e sostenere così il sistema”.

Il piano prende in considerazione tre fasi: quella attuale, la cosiddetta fase zero, in cui l’Amministrazione comunale deve avere un ruolo di collegamento e orientamento rispetto alle misure che il Governo delibererà nei prossimi giorni e di ascolto delle istanze dei cittadini; la fase 1, quella di attivazione di misure immediate per preparare la riapertura e accompagnare i primi mesi dalla fine del lockdown, e la fase 2, quella della rinascita, necessaria per dare impulso senza precedenti a investimenti pubblici e privati.

Nel documento proposto vengono analizzati gli strumenti a disposizione dei Comuni e quelli necessari per i cittadini e le imprese: come la sospensione dei patti di stabilità, liberare gli avanzi di amministrazione, la rinegoziazione dei mutui e la previsione di fondi statali a sostegno dei Comuni. E ancora fondi di sostegno alle famiglie, per la spesa e gli affitti, e strumenti di credito per le imprese e azzeramento degli obblighi fiscali.

“Tutto questo – precisa Benini – per dare aiuti concreti, nell’immediato. Ma per una vera ripartenza occorre rendere strutturale e costante il confronto con tutta la comunità”.

“Adesso aspettiamo le proposte dei cittadini – conclude Benini – perché solo insieme potremo far ripartire la nostra città e il nostro Paese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.