Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Parte la Settimana santa: messe in tv e su app. «Una Pasqua sofferta e essenziale, ma non meno vera»

GROSSETO – La Chiesa sta per entrare nella Settimana Santa e lo fa in un modo del tutto inedito, dettato dalle restrizioni imposte dall’emergenza coronavirus.

“Mancheranno molti segni, lo sappiamo – commenta il vescovo Rodolfo – ma resta ciò che è essenziale. E’ questo che mi sento di assicurare a tutti. Per ognuno di noi è una sofferenza non poter celebrare i riti pasquali come siamo abituati, perché sappiamo quanto per la vita di ogni cristiano questa settimana sia fondante e fondamentale, tuttavia – per citare san Paolo VI – la Chiesa è maestra in umanità e ci insegna ad avere a cuore il bene comune ed è quello che in questo momento tanto difficile per tutti cerca di fare”.

“Sarà una pasqua sofferta e più essenziale – aggiunge il vescovo – ma non per questo meno vera ed efficace. Cristo ha già vinto. Dobbiamo preoccuparci ora che vinca nei cuori. Chi ha più fede offra se stesso in comunione alle sofferenze di Cristo. Viva il suo abbandono filiale con grande esempio di virtù cristiane, che – ci ricorda l’apostolo Paolo – sono: amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; contro queste cose non c’è legge”.

Il vescovo presiederà le liturgie della Settimana Santa in cattedrale. Tutte saranno trasmesse in diretta su Tv9 Telemaremma e in streaming sulla app dell’emittente televisiva.

Domenica delle Palme la diretta inizierà alle 10.55 con un momento introduttivo curato dal direttore di Tv9, Enrico Pizzi e dal direttore dell’ufficio diocesano per le comunicazioni, Giacomo D’Onofrio. Alle 11 l’inizio della celebrazione, che si aprirà con il rito della benedizione dell’ulivo.

“Sarà – spiega don Marco Gentile, direttore dell’ufficio liturgico diocesano – un segno simbolico, perché quest’anno in alcun modo ed in nessuna forma potrà essere benedetto e distribuito l’ulivo ai fedeli”. Poi la Messa proseguirà regolarmente con la lettura della Passione tratta dal Vangelo di Matteo.

Il giovedì santo alle 18 Messa in Coena Domini; il venerdì santo, sempre alle 18, la liturgia della Croce; il sabato santo alle 21 la Veglia pasquale. La Domenica di Pasqua, alle 11, il Pontificale solenne.

Ogni diretta, tranne che per la Veglia pasquale, avrà inizio sempre 5 minuti prima della celebrazione per il commento di apertura.

“Secondo quanto prescrive la nota del Viminale – aggiunge don Gentile – tutte le celebrazioni della Settimana Santa saranno a porte chiuse. Oltre ai celebranti, potranno trovarsi in chiesa solo il diacono, l’organista, il cantore, l’accolito, il lettore e gli operatori per la trasmissione in tv o sui social delle celebrazioni stesse. Questo vale per le cattedrali come per qualsiasi chiesa parrocchiale”.

Anche in diocesi di Grosseto, tutti i sacerdoti celebreranno la Messa delle Palme. In alcuni casi con dirette streaming su youtube o su facebook. I Vescovi della Toscana hanno concesso anche alle Parrocchie di poter effettuare la simbolica benedizione di un ramo di ulivo.

Per aiutare tutti i fedeli, costretti in casa, a vivere meglio che sia possibile la Settimana Santa, la Diocesi ha creato sul sito internet (www.diocesidigrosseto.it) una apposita sezione dedicata, all’interno della quale vengono caricati informazioni, contenuti, video e materiale da scaricare.

In particolare, è stato predisposto un piccolo sussidio per suggerire dei segni e dei gesti da fare in famiglia durante il triduo pasquale, mentre è scaricabile dal sito diocesano anche il sussidio di preghiera preparato dalla Cei. Infine per ogni celebrazione teletrasmessa, sempre dal sito, è possibile scaricare il relativo libretto per seguire meglio la liturgia.

“Questa pandemia – sottolinea don Paolo Gentili, vicario generale della Diocesi – rappresenta un vero terremoto. Non sono crollate le case, ma sono crollate tante nostre abitudini. La Pasqua, questa Pasqua, può essere un’occasione nuova per recuperare il senso di ciò che siamo e che facciamo. Le proposte di preghiera familiare che come Diocesi abbiamo lanciato non sopperiscono la mancanza di poter partecipare nelle nostre parrocchie ai riti pasquali, ma renderà le pareti delle nostre case pareti comunicanti con la grande Chiesa di cui facciamo parte. E allora questa sarà davvero Pasqua”.

A questo link lo spot: https://youtu.be/yYj-uN-_qoY

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.