Quantcast

Calo delle donazioni di sangue per la paura del virus, l’appello: «Si può donare»

prelievo sangue avis

GROSSETO -Grosseto – “Si può continuare a donare in tutta sicurezza come di consueto e dobbiamo farlo perchè il sangue è sempre indispensabile e salva le vite”.

Con questo appello la Asl Toscana sud est si associa al Centro Nazione Sangue nell’azione di sensibilizzazione dopo la segnalazione alle aziende sanitarie di una decisa diminuzione delle donazioni riscontrabile negli ultimi mesi a livello nazionale e che interessa particolarmente i gruppi A e 0, negativo e positivo.

Tale calo potrebbe derivare dal contesto di timore creato dall’emergenza coronavirus. E’ un errore pensare che l’eventuale diffusione del virus riguardi le donazioni di sangue che sono e non certo da adesso garantite da un servizio effettuato nel rispetto di tutte le norme igieniche e da personale esperto. Inoltre non vi è nessuna evidenza scientifica che ne dimostri la correlazione.

Tuttavia, per tutelare ancora di più i donatori, anche la Sud est ha previsto, dove necessario, percorsi dedicati di accesso ai centri trasfusionali degli ospedali.
Area grossetana

All’ospedale Misericordia di Grosseto, chi vuole donare potrà arrivare, accedendo in auto dall’ingresso su via senese, fino alla sbarra davanti al parcheggio del nuovo blocco ospedaliero. Lì, suonando il campanello, un operatore darà istruzioni su dove parcheggiare all’interno dell’area e come raggiungere il Trasfusionale seguendo la segnaletica predisposta, fino al vecchio ingresso al piano -1. I donatori che comunque avranno già la prenotazione, devono essere in possesso di autocertificazione per l’accesso al parcheggio nella zona riservata.

“L’emergenza coronavirus sta pesando in maniera significativa sulle donazioni di sangue che nei primi due mesi del 2020 hanno subito un decremento di 172 donazioni rispetto al solo mese di dicembre 2019, molto meno rispetto a quanto accadeva nell’arco di un solo mese prima dell’emergenza coronavirus – spiega Fabrizio Niglio, direttore UOC Immuematologia e Medicina Trasfusionale – Questi dati ci devono far riflettere sulla necessità di tenere alta l’attenzione e di un’azione comune per mantenere il livello delle donazioni a un valore tale da consentirci di poter curare tutti i pazienti che hanno necessità di sangue, per trasfusioni come i pazienti affetti da patologie croniche (anemia, talassemia, tumore, patologie dell’anziano), interventi chirurgici inderogabili ed eventi traumatici. La carenza di sangue sta interessando tutta l’Italia, questo significa che non potremo contare sul supporto delle altre regioni.

Faccio quindi un appello a tutta la popolazione affinchè, chi può, venga a donare sangue. Il personale sanitario del Trasfusionale del Misericordia e le associazioni di volontariato saranno come sempre a supporto dei pazienti. Le urgenze anche nel tempo del coronavirus non si fermano e c’è sempre e comunque bisogno di sangue disponibile per fronteggiarle. Continuiamo ad avere le stesse richieste di sangue ma con un numero di donatori nettamente ridotto. L’accesso al Trasfusionale è sicuro e tutti i donatori vengono controllati subito prima di iniziare il percorso donazione (pre triage). Chi già è donatore conosce bene la scrupolosità con cui operiamo e in questo delicato momento ancora di più. Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti e maggiori informazioni allo 0564 – 485235 o 0564- 48618”.

 

Più informazioni
commenta