Sportamico torna nelle scuole della Maremma, oltre quattromila alunni e decine di istruttori impegnati

GROSSETO – Nelle scuole, anche per l’anno scolastico 2019-2020, torna Sportamico, il progetto promosso dal Comitato provinciale Coni Point di Grosseto, grazie alla collaborazione con gli amministratori locali. Un progetto che quest’anno compie diciannove anni. Sono migliaia gli alunni coinvolti, guidati da decine di istruttori qualificati, alla scoperta di svariate discipline, durante le ore di affiancamento nell’attività didattica.
Il progetto è stato accolto dal Comune di Grosseto e da altri sedici Comuni della provincia: Capalbio, Castel del Piano, Castell’Azzara, Castiglione della Pescaia, Cinigiano, Civitella Paganico, Follonica, Isola del Giglio, Magliano in Toscana, Massa Marittima, Monte Argentario, Montieri, Orbetello, Pitigliano, Santa Fiora, Sorano. Gli Istituti comprensivi coinvolti sono 24, per un totale di 4500 alunni della Scuola Primaria.

Sportamico, che, tra l’altro, non è l’unico progetto sostenuto dal Coni collegato alle scuole, mette al centro l’attività ludico-motoria, permettendo di sperimentare varie discipline sportive: pallavolo, pallamano, baseball, atletica leggera, basket, calcio, ciclismo, boxe, tennis, taekwondo, minirugby, ginnastica artistica, judo, danza ed altro. A febbraio l’inizio delle lezioni nelle scuole della provincia.
Sportamico va ad inserirsi nella Primaria (e in alcune scuole dell’infanzia), a completamento della vasta offerta formativa che il Coni propone con partner come la Regione Toscana, con “Sport e scuola compagni di banco”, e come il Miur, con “Sport di classe”.
“Grazie a Sportamico, – commenta il delegato provinciale Coni, Daniele Giannini, – ormai da molti anni, migliaia di alunni hanno la possibilità di sperimentare diverse discipline sportive. Il progetto, infatti, si basa sul concetto di polisportività: il primo approccio del bambino allo sport deve prevedere la possibilità di conoscere e praticare più discipline sportive. Mi piace ricordare che, in questi anni, circa 600 mila (cifra sicuramente in difetto) bambine e bambini hanno potuto usufruire di questa opportunità. Un progetto che può proseguire il suo cammino grazie alla collaborazione tra Coni Point Grosseto, Enti locali e mondo scolastico”.

Commenti