Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Oltre 2 milioni di euro per la rigenerazione urbana dei piccoli comuni: ecco i progetti

GROSSETO – Oltre 2 milioni di euro. Per la precisione 2 milioni e 152mila 642 euro. È quanto la Regione Toscana ha dedicato ai comuni maremmani per la rigenerazione urbana, finanziando alcuni progetti presentati dalle amministrazioni.

La rigenerazione e l’innovazione urbana sono fondamentali per limitare il consumo di nuovo suolo e per migliorare la qualità della vita delle persone, rinnovando i servizi e combattendo il degrado. Per favorire la trasformazione del patrimonio edilizio esistente all’interno delle città e ridurre il consumo di suolo, sono stati finanziati dalla Regione Toscana numerosi progetti, alcuni nelle aree più densamente abitate (tramite circa 49 milioni di risorse europee Por Fesr) ed altri nelle aree interne (10,6 milioni di risorse esclusivamente regionali).

“La rigenerazione urbana non può riguardare solo le aree popolate – spiega l’assessore regionale al governo del territorio Vincenzo Ceccarelli – anche i centri più piccoli hanno bisogno di riqualificare i loro spazi e innovare le funzioni del patrimonio immobiliare. Per questo abbiamo pensato ad un bando specifico per le aree interne, tramite il quale abbiamo assegnato inizialmente circa 4 milioni, poi altri 6,6 milioni per scorrimento graduatoria. In questo modo sono stati finanziati 36 interventi (su 58 richieste giunte) in 32 Comuni e 6 di essi sono nella Provincia di Grosseto: Monterotondo Marittimo, Roccastrada, Massa Marittima, Gavorrano, Arcidosso e Santa Fiora”.

“La lotta al consumo di suolo – prosegue Ceccarelli – passa anche dal riuso, dalla trasformazione del tessuto urbano già esistente ma sottoutilizzato o degradato. Crediamo in questa strada e la stiamo portando avanti con convinzione e con importanti risorse economiche. L’alto numero di proposte ricevute testimonia l’importanza di questi interventi e l’impegno delle amministrazioni comunali per riqualificare le proprie aree urbane. Con questo bando abbiamo voluto sottolineare la nostra attenzione alle esigenze di realtà piccole, ma pronte a fare scelte innovative e di sviluppo”.

Ecco nel dettaglio i progetti finanziati nella Provincia di Grosseto:

Monterotondo Marittimo – Progetto di riqualificazione ex cinema ACLI (178.630 euro)
L’intervento riguarda la riqualificazione funzionale di un immobile denominato ex Acli, attualmente inutilizzato e in stato di degrado, per destinarlo a sala polifunzionale da utilizzare per iniziative pubbliche, private e di associazionismo, al fine di creare un punto di aggregazione a servizio della comunità (incontri sociali e culturali). E’ previsto in particolare l’utilizzo degli spazi per lo sviluppo di un progetto sull’invecchiamento attivo (Active Agein) con terapia specifica per il benessere psicomotorio del malato di Alzheimer e del suo familiare (Riabilitango). Completa l’intervento la realizzazione di un percorso pedonale di collegamento dell’immobile con le aree a parcheggio e il centro cittadino. Si dice «Soddisafatto delle scelte fatte» il vicesindaco di Monterotondo Marittimo Roberto Creatini.

Massa Marittima – Trasferimento Museo di arte e storia delle miniere denominato SUBTERRANEO (275.398 euro). L’intervento prevede la riqualificazione di un edificio ex scolastico risalente agli anni ‘30 del Novecento per trasferirvi il Museo di Arte e Storia delle Miniere, che verrà posto in diretta connessione con l’adiacente Museo della Miniera in galleria, tramite un unico percorso museale; sono previste anche opere di efficientamento energetico. Obiettivo è la creazione di un unico polo espositivo denominato SUB-TERRA-NEO, in ampliamento a quello esistente del Museo della Miniera, destinato ad accogliere oltre agli spazi espositivi anche ambienti polivalenti (per finalità culturali, sociosanitarie, per servizi, lo svago ed il fitness), al fine di favorire l’aggregazione sociale e culturale.

Gavorrano – Realizzazione della nuova biblioteca comunale all’interno dell’edificio minerario ex Bagnetti” (254.149 euro). L’intervento riguarda il riuso di un edificio minerario (ex Bagnetti), dismesso dopo la chiusura dell’attività mineraria del comune, quale parte di un più ampio progetto di recupero dell’immobile operato dal comune e finalizzato alla realizzazione della nuova biblioteca comunale. L’intervento, che prevede il trasferimento della biblioteca dall’attuale sede, incongrua per motivi strutturali e dimensionali senza creare nuove volumetrie, consentirà di conferire una funzionalità ulteriore e strategica all’edificio, rafforzandone il valore simbolico e culturale di “Porta del Parco”.«Abbiamo scelto di rigenerare qualcosa che sia testimone della storia mineraria industriale del nostro territorio» afferma il sindaco di Gavorrano Andrea Biondi. «Il vecchio stabile della Montecatini, che il Comune ha rilevato nel 2003, e che negli ultimi anni, a causa della mancanza di fondi, non è stato utilizzato per le sue potenzialità. Abbiamo partecipato al bando con l’idea di dare un servizio a tutto il territorio: qui verrà realizzata la nuova biblioteca. È un luogo caro a tutti i gavorranesi, e ben accessibile. Daremo un servizio e questo costiturà anche un arricchimento culturale. Inoltre il 28 febbraio presenteremo il nuovo piano strutturale, e affromteremo il tema della rigenerazione urbana a tutto tondo».

Roccastrada – Rigenerazione urbana dell’area di intersezione viaria tra via Montemassi, via Collacchia, via Toscana e via del Daccialone a Ribolla (532.465 euro). L’intervento prevede la riqualificazione di un’area degradata posta nella frazione di Ribolla, mediante il recupero e la riqualificazione di un edificio di proprietà comunale fatiscente e dismesso e il rinnovo delle connessioni del contesto urbano, riorganizzando il patrimonio edilizio e la viabilità esistente. Nello specifico è prevista la realizzazione di una rotatoria, l’allargamento e la realizzazione di marciapiedi (anche funzionali alle nuove scuole), la riqualificazione di un piccolo parco urbano, la demolizione dell’immobile comunale e la realizzazione di un nuovo edificio da adibire a centro servizi sanitari collettivi.

Il sindaco Francesco Limatola parla di un bando importante per Roccastrada «Ci finanzieranno oltre 532 mila euro su un progetto di 732. Realizzeremo una rotatoria, l’ampliamento della strada con la realizzazione del marciapiede in quello che è il cuore di Ribolla, e demoliremo un edificio inagibile per costruire, al suo posto una struttura in legno, nell’ottica di un’edilizia sostenibile, che fungerà da presidio sociosanitario».

Arcidosso – Ristrutturazione urbanistica del complesso ex mattatoio (112.000 euro)
L’intervento riguarda il riuso di alcuni volumi esistenti, un tempo destinati a mattatoio comunale, che l’Amm.ne comunale intende mettere a disposizione del tessuto associativo del comune per le attività che vengono svolte durante l’anno (nei campi del sociale, della protezione civile, della cultura e del turismo), quale sede delle associazioni e punto di riferimento logistico organizzativo per le loro attività, in particolare per quelle di Protezione Civile. La proposta riguarda il primo di due stralci funzionali, con interventi di ristrutturazione e realizzazione di nuove tettoie.

Il sindaco Jacopo Marini parla di operazione «Doppiamente intelligente. Va incontro alle problematiche dei piccoli centri come il nostro. Anche in controtendenza a quanto avvenuto in passato in Regione». Poi racconta: «Recupereremo l’ex mattatoio, che è fatiscente e rischia di cadere. Una parte tra l’altro si trova uno spazio usato dagli operai del Comune come magazzino. La parte che verrà ristrutturata diventerà la sede delle associazioni che ne faranno richiesta, specie per quelle legate alla Protezione civile».

Santa Fiora – Restauro e allestimento museografico di Palazzo Sforza Cesarini (800.000 euro). Il progetto riguarda il restauro e l’allestimento museografico di Palazzo Sforza Cesarini, da tempo inutilizzato, fortemente identitario del contesto urbano, con lo scopo di restituirne la fruizione alla collettività. La proposta in esame riguarda il I stralcio, che interessa la porzione nord-orientale del sistema palaziale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.