Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Bonarelli inaugura la stagione concertistica degli Amici della musica di Massa Marittima

Più informazioni su

FOLLONICA – Un connubio nato dalla passione e dall’obiettivo comune di diffondere le sette note e valorizzare i giovanissimi talenti del territorio. È quello fra l’associazione “Amici della musica” di Massa Marittima e la Scuola comunale di musica “Bonello Bonarelli” di Follonica. In nome di questa unità di intenti è andata in scena l’esibizione del pianista Jacopo D’Ambra, promettente allievo quindicenne dell’istituto musicale follonichese.

Il giovane musicista infatti si è distinto suonando le note dei grandi maestri della musica classica – da Rachmaninoff a Debussy, Liszt, Chopin e Mendelssohn – in un concerto nelle sale del Portale delle Arti a Massa Marittima, durante la presentazione della nuova stagione concertistica 2020 promossa e organizzata dall’associazione massetana “Amici della musica”.

«Quando ho chiesto la partecipazione di Jacopo D’Ambra – spiega il direttore della rassegna, Maurizio Morgantini – alla presentazione della stagione concertistica, la direttrice della Bonarelli, Sabrina Gabellieri, ha subito accettato l’invito. È sempre emozionante ascoltare un giovanissimo pianista, così come è di grande stimolo collaborare con realtà del territorio simili alla nostra».

La manifestazione, alla sua 48esima edizione, è ormai un’istituzione per la Maremma. La stagione propone sette date da marzo a ottobre: il primo concerto è infatti in programma sabato 21 marzo alle 18, quando si esibiranno Corrado Stocchi e Elisa Viscarelli, al violino e al pianoforte.

L’ultimo appuntamento, in calendario il 31 ottobre, sarà affidato al maestro e direttore artistico dell’associazione “Amici della musica”, Maurizio Morgantini, e a Fabrizio Bono.

«Siamo stati felici di partecipare alla presentazione di questa importante rassegna musicale – spiega Sabrina Gabellieri –: la nostra scuola da sempre stringe collaborazioni con altri istituti musicali perché il confronto rappresenta una crescita per gli allievi ma anche per noi docenti. Ringrazio il maestro Morgantini per l’invito: ci saranno sicuramente altre occasioni in cui le nostre realtà divideranno lo stesso palco».

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.