Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bottiglie, buste, tubi, ma anche centinaia di cartucce: ecco tutti i rifiuti recuperati dal Wwf in Laguna fotogallery

Più informazioni su

ORBETELLO – San Valentino, la festa degli innamorati, i volontari dell’associazione Wwf Provincia di Grosseto hanno voluto festeggiarlo in nome del loro più grande amore: l’ambiente.

Si è svolta infatti un’importante operazione di pulizia di una delle aree più interessanti dal punto di vista della biodiversità della Laguna di Orbetello, la zona di Stagnino e Stagnone.

Sono bastati due giorni per organizzare ed agire e con un pugno di volontari si è quasi portata a termine la pulizia.

Il primo giorno è stato impiegato per un sopralluogo al fine di rendersi conto dell’entità e della quantità di rifiuti e per organizzare al meglio la divisione delle squadre.

Il secondo giorno, invece, armati di guanti stivali e sacchi, si è passati all’azione, togliendo dalle sponde della laguna una considerevole quantità di rifiuti di ogni genere, dai palloni alle bottiglie di plastica e vetro, dai retini da pesca alle buste di plastica e poi bidoni, secchi, tubi, pezzi di ferro e perfino un pancale in plastica, molto voluminoso.

Inoltre, a ricordo della stagione venatoria appena trascorsa, i volontari hanno raccolto centinaia di cartucce da caccia che proprio in quella zona di laguna vengono sparate dai cacciatori “e poi lasciate lì in terra, in barba ad ogni obbligo giuridico e soprattutto morale, costituendo un enorme fattore di inquinamento per l’intero ecosistema, essendo le stesse composte di materiale plastico e di metallo” raccontano dall’associazione.

A contorno di questa operazione di pulizia non sono mancati interessanti avvistamenti ornitologici, a conferma di quanto quella zona di laguna sia importante e ricca. Moltissime anatre di superficie come volpoche, codoni, fischioni e alzavole, assieme a numerosi stormi di limicoli, aironi, spatole e non potevano mancare i classici fenicotteri rosa, “la cui vista regala sempre delle belle emozioni” sottolineano dal Wwf.

“È stata una due giorni impegnativa per i volontari – concludono dall’associazione -, ma alla stanchezza si è unita anche la gioia di aver ridato lustro ad una zona di laguna molto ricca e forse poco rispettata dalla collettività tutta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.