Quantcast
Dalla regione

New Delhi: diminuiscono drasticamente i casi in Toscana. «Continuiamo con la prevenzione»

gruppo sanguigno avis sangue laboratorio analisi

FIRENZE – I casi di New Delhi sono in sensibile calo in Toscana nelle ultime settimane. Dopo il picco dello scorso settembre, i casi sono scesi costantemente, e dall’inizio del 2020 si è registrato un solo caso a settimana.

Secondo il monitoraggio realizzato regolarmente dall’Ars, l’Agenzia regionale di sanità, dal novembre 2018 al 3 febbraio 2020 i batteri NDM sono stati isolati nel sangue di 161 pazienti. I casi sono risultati letali nel 30% dei pazienti con sepsi (non necessariamente si tratta di decessi dovuti all’infezione specifica), percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici carbapenemici.

“Il monitoraggio dei pazienti con batteriemia da batteri con antibioticoresistenza tipo New Delhi continua regolarmente a cadenza settimanale così come, in un’ottica di massima trasparenza, continua la pubblicazione dei dati sul sito di Ars Toscana – fanno sapere gli esperti dell’assessorato -. L’andamento, come è possibile riscontrare anche dall’ultimo grafico pubblicato mercoledì scorso (5 febbraio), è in sensibile calo rispetto ai mesi precedenti, assestandosi con una media regolare di un caso ogni settimana nelle ultime quattro settimane. La gestione di fenomeni con catteristiche di outbreak è come noto complessa e richiede tempi medio lunghi, come dimostrano tutte le esperienze internazionali, tuttavia pur mantenendo la necessaria cautela nelle interpretazioni, il numero di sepsi da batterio New Delhi in questo momento è ampiamente al di sotto dei picchi rilevati durante i mesi estivi”.

“Le infezioni da batteri New Delhi appaiono oggi attualmente meno frequenti di quanto abbiamo visto in agosto e settembre del 2019, questo non significa che possiamo ridurre l’attenzione, ma invita a proseguire e estendere le precauzioni di infection control messe in atto finora” conferma Fabrizio Gemmi, coordinatore dell’Osservatorio per la qualità e l’equità di Ars Toscana.

“Le azioni di prevenzione e controllo messe in atto a livello regionale (screening in ingresso in ospedale, isolamento dei pazienti portatori, focus su igiene delle mani, indagini epidemiologiche, site visit) sembrano mostrare efficacia; nonostante questo la situazione continua a essere meritevole di monitoraggio e l’attenzione da parte di Regione Toscana è costante ed elevata. Il 6 febbraio 2020 si è svolto un incontro con rappresentanti di Regione Toscana, Ars Toscana e Istituto superiore di sanit&à e;, per programmare analisi concertate relative all’outbreak”.

Guarda le pagine del sito dell’Ars con i dati sul New Delhi aggiornati settimanalmente.

leggi anche
provette laboratorio analisi
Grosseto
Batterio New Delhi: nessun allarme in Maremma. A breve gli incontri della Asl con i cittadini
provette laboratorio analisi
Cronaca
Super batterio, la Regione: «Comuni cittadini non corrono rischi. Epidemia stabilizzata»
provette laboratorio analisi
Salute
Batterio killer: da maggio istituita in Toscana l’unità di crisi
provette laboratorio 2013
Toscana
Batterio killer: in arrivo tutti i report dei casi negli ospedali della Toscana
provette laboratorio 2013
Batterio Killer, la Regione: mortalità del 40%. Monitoraggio costante
provette laboratorio analisi
Toscana
Batterio killer: 64 pazienti infettati in Toscana. I sintomi, come si diffonde e come difendersi
Stefania Saccardi
Il caso
Super batterio, parla l’assessore regionale: «In Toscana 546 persone infette, ma non c’è emergenza»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI