Microcredito: a Follonica i prestiti di solidarietà per chi è in difficoltà. Inaugurato lo sportello

FOLLONICA – Aprirà domani mattina al pubblico lo sportello Microcredito di Solidarietà, rivolto alle persone che non ricevono un credito bancario e si trovano in una situazione di difficoltà economica momentanea, di quelle che possono capitare nella vita, come un problema di salute, la perdita di lavoro temporaneo o una spesa improvvisa.

Dopo aver firmato, a novembre, la convenzione per la costituzione di un fondo a garanzia della concessione di prestiti a soggetti in stato di necessità per favorire progetti di inclusione sociale e finanziaria, questa mattina nel municipio il passaggio delle chiavi e l’inaugurazione ufficiale dello sportello dedicato che per ogni mercoledì sarà a disposizione dei referenti che incontreranno i cittadini follonichesi che ne faranno richiesta.

«L’accordo raggiunto con il Comune di Follonica ci rende orgogliosi – ha commentato il presidente della società Vittorio Stelo – e conferma gli obiettivi che ci siamo posti per potenziare il nostro impegno a favore delle persone fisiche e del sociale ed estendere la collaborazione con enti ed istituzioni destinatarie di tante istanze di difficoltà nei nostri territori. Microcredito di Solidarietà ha dimostrato negli anni di poter rappresentare un importante punto di riferimento nell’ascolto e nella consulenza gratuita offerta nei casi in cui non è stato possibile arrivare alla concessione del prestito richiesto».

«Inauguriamo oggi un’attività già avviata dall’amministrazione comunale precedente – aggiunge il commissario prefettizio Alessandro Tortorella –, perché anche in presenza del commissario la vita sociale deve scorrere. Condivido con molto piacere questo progetto che prevede di poter accedere ad un piccolo finanziamento per un massimo di 2mila euro, con una durata massima di 36 mesi e con modalità agevolate. È un modo per rispondere alle famiglie in temporanea difficoltà, affinché possano superare la criticità prevenendo, al contempo, l’insidioso rischio dell’usura. Gli uffici si sono adoperati affinché l’accordo, firmato a novembre, potesse avere attuazione e da domani i cittadini saranno ricevuti dai referenti, nella speranza di alleggerirne le difficoltà in modo costruttivo e funzionale al superamento della crisi».

Lo strumento del Microcredito di Solidarietà costituisce una incisiva risorsa per il superamento di momentanee difficoltà che, in alcuni casi, potrebbero ingenerare nelle famiglie situazioni ancora più critiche, specialmente in questa fase socioeconomica, di indubbia e prolungata problematicità soprattutto per i giovani. Risulta quindi fondamentale l’accordo con il Microcredito di Solidarietà, società nata nel 2006 di cui Banca Monte dei Paschi di Siena è cofondatore e maggiore azionista.

Lo sportello del Microcredito di Solidarietà si trova al piano terra del Comune di Follonica e sarà gestito in modo volontario da sei persone follonichesi, tutti ex bancari, che offriranno il proprio tempo e la loro consulenza gratuita per istruire le pratiche alle persone che si rivolgeranno allo sportello.

«Anche nella nostra esperienza professionale – spiega infatti Massimo Ricci, coordinatore dei volontari – abbiamo visto che c’è una fetta di soggetti che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario, ma avrebbero bisogno di un prestito piccolo per superare una difficoltà momentanea».

Lo sportello sarà aperto tutti i mercoledì dalle ore 10.00 alle 12.45.

Per avere l’appuntamento è necessario rivolgersi all’Urp del Comune di Follonica (lunedì mercoledì e venerdì ore 10.00 – 12.45, martedì e giovedì ore 10.00-12.45 e 15.30 – 17.00) , oppure scrivere alla mail microcredito@comune.follonica.gr.it.

I destinatari del finanziamento dovranno essere esclusivamente residenti nel Comune di Follonica, tra i 18 e i 75 anni, che non presentano i requisiti richiesti dal canale bancario tradizionale ma che siano comunque in grado di impegnarsi nel rimborso del prestito: persone e famiglie che devono fronteggiare spese straordinarie come spese sanitarie, bollette, utenze, affitti arretrati, spese per gli studi dei figli o per acquistare un’autovettura usata; in generale per far fronte alle necessità quotidiane.

Il centro di ascolto istituito presso il Comune di Follonica andrà quindi ad aggiungersi ai 39 attraverso cui opera oggi Microcredito di Solidarietà nei territori di Siena, Massa Carrara e in una piccola parte della provincia di Grosseto.

Commenti