Diretta streaming delle sedute del Consiglio: «La maggioranza ha bocciato la nostra proposta»

CASTEL DEL PIANO – “La diretta durante le sedute del Consiglio comunale non sarà realizzata, almeno per ora perché nella maggioranza ci sono timori e resistenze che hanno portato a respingere la nostra mozione per una diretta streaming delle sedute del Consiglio comunale sul sito web del Comune”. A parlare Samuele Pii, capogruppo del gruppo di opposizione Tradizione e innovazione a Castel del Piano.

“La maggioranza era pronta a verbalizzare la presenza, alzare la mano per approvare gli atti presentati dal sindaco/vicesindaco, e chiudere velocemente la riunione del Consiglio comunale, convocato lo scorso 30 gennaio alle 21. Noi abbiamo presentato le nostre proposte che crediamo utili per i cittadini e per il territorio amiatino, animati dalla volontà di essere positivi e costruttivi, ed il risultato è stato due mozioni approvate e due respinte – continua Pii -. Sono state approvate all’unanimità le mozioni per pubblicizzare il bonus facciate, presentata dalla consigliera Giovanna Longo. In merito il Comune dovrà definire le zone A e B secondo i criteri previsti dall’ultima legge finanziaria in vigore dall’1 gennaio scorso. Inostra è stata approvata all’unanimità la mozione, presentata dalla consigliera Fabiola Violini, per richiedere un intervento in merito al mantenimento del presidio Enel dell’Amiata grossetana: il buon esito della vicenda lo abbiamo letto sui giornali”.

“Le altre due mozioni sono state respinte – prosegue il capogruppo -. Quella presentata dalla consigliera Jessica Acciaroli per chiedere un intervento sull’alveo del fiume Orcia in seguito alle forti piogge di novembre e dicembre. ‘Non è competenza del Comune sistemare gli argini’ è stata la risposta che ha motivato la bocciatura da parte della maggioranza – aggiunge Pii –. La mozione avrebbe dato più forza al Comune nel sollecitare gli interventi del Consorzio di bonifica e avrebbe rappresentato un segnale concreto di vicinanza ai residenti di Montenero che hanno subito l’esondazione del fiume”.

“Le motivazioni alla base del no alla diretta sono quanto meno sorprendenti, perché si basano sul timore che possa essere fatto un uso scorretto delle immagini, estrapolandole dal contesto. E se un consigliere si distrae durante il Consiglio, o ha un atteggiamento ‘improprio’, possa essere stigmatizzato da chi guarda il video – spiega il capogruppo -. Abbiamo ricordato che ci sono norme sulla privacy a tutela di questo tipo di immagini e, specialmente, che durante le sedute, anche senza riprese e in assenza di pubblico, il nostro dovere di consiglieri è quello di onorare l’Istituzione comunale. Ci è stato detto anche che la possibilità di seguire il Consiglio via web potrebbe portare i cittadini a restare a casa, invece di partecipare alle sedute, mentre sappiamo che, nelle comunità dove è possibile seguire sul web i lavori delle assemblee elettive, la partecipazione civica aumenta perché i cittadini sono più informati avendo un nuovo strumento a disposizione, gratuito e accessibile con la tecnologia quotidiana”.

“Abbiamo fatto la nostra parte dando credito ad alcune proposte della maggioranza, per esempio, votando a favore della ‘Convenzione per lo svolgimento, in forma associata tra i Comuni di Castel del Piano e Cinigiano, del servizio lavori pubblici, manutenzioni, patrimonio e ambiente – aggiunge Samuele Pii –, anche se abbiamo forti dubbi sulla scelta di uscire dall’Unione per alcune gestioni associate ed attivare nuove collaborazioni per altri servizi, crediamo sia opportuno provare almeno per un anno qual è la durata della convenzione con il Comune di Cinigiano e vedremo quali saranno i benefici”.

“Mentre siamo delusi in merito alle proposte dell’amministrazione per il rilancio del polo ospedaliero, crediamo che manchi una capacità di proporre una funzione strategica e specialistica per l’ospedale di Castel del Piano in modo che possa diventare un punto di riferimento per una area vasta ed avere un nuovo ruolo all’interno di una rete di assistenza alla persona dove sono presenti ospedali di grandi centri e periferici – conclude il capogruppo di Tradizione e innovazione -. Abbiamo, inoltre, anticipato al Consiglio la proposta di intitolare a Rio Tonelli lo Stadio comunale, costruito proprio negli anni del suo mandato da sindaco”.

Commenti