Scarlino entra nella rete dei “Comuni ciclabili”: «Il territorio sempre più a misura di bici»

SCARLINO – Il Comune di Scarlino aderisce per il terzo anno consecutivo al progetto “ComuniCiclabili” promosso dalla Federazione italiana ambiente e bicicletta (Fiab), entrando così nel circuito delle città italiane a misura delle due ruote.

L’iniziativa della Fiab ha come obiettivo quello di stimolare le amministrazioni locali a diventare sempre più accoglienti per residenti e turisti appassionati di bicicletta.

Per far parte della rete dei “ComuniCiclabili” occorre rispettare alcuni requisiti indicati dalla Federazione che riguardano in particolare la presenza di infrastrutture destinate alle bici e la promozione di iniziative volte a sviluppare la mobilità sulle due ruote. Fiab valuta la richiesta e assegna successivamente al Comune un punteggio che va da un minimo di una a un massimo di cinque “biciclette”.

La domanda dell’ente scarlinese è stata accolta, e ora l’amministrazione comunale attende la consegna della bandiera. Nel territorio comunale infatti sono presenti già tre percorsi ciclabili: le piste per le due ruote tra il Comune di Follonica e il centro Maps e tra il lungomare Garibaldi e il porto turistico al Puntone, e un percorso ciclabile che dalla stessa frazione porta fino alla zona di Pian d’Alma, che consente di accedere anche alle cale della costa (Cala Felice, Cala di Terra Rossa, Cala Martina, Cala Violina e Cala Civette).

Le tre piste ciclabili sono inserite nel progetto della Ciclopista Tirrenica. Inoltre sono in cantiere nuovi progetti sempre relativi alle due ruote che riguardano anche il settore turistico.

«Vogliamo continuare a investire sui percorsi destinati alle biciclette – spiega il sindaco Francesca Travison –, perché crediamo nella necessità di promuovere una mobilità alternativa e allo stesso tempo che la bicicletta sia un canale importante per lo sviluppo turistico. Per questo anche nel 2020 abbiamo aderito al progetto della Fiab “ComuniCiclabili”».

La Federazione riconosce attraverso questa iniziativa l’impegno di tutte quelle Amministrazioni locali che mettono in pratica politiche concrete per la mobilità in bicicletta, valutando il grado di ciclabilità dei comuni, vale a dire quell’insieme di infrastrutture e azioni che li rendono adatti a essere vissuti e visitati in bicicletta.

«“ComuniCiclabili” – spiega il vicesindaco Luciano Giulianelli, responsabile del progetto – è un riconoscimento per il lavoro svolto fino ad oggi che la nostra Amministrazione comunale ha intenzione di portare avanti: in cantiere ci sono infatti il progetto di rendere la sede del museo Maps una tappa della Ciclovia Tirrenica e di aumentare i percorsi ciclabili già presenti nel territorio comunale. Crediamo nella necessità di sviluppare una mobilità sostenibile e, in collaborazione con gli altri assessori, stiamo portando avanti alcune iniziative per far conoscere il nostro territorio tra gli amanti delle due ruote, per far crescere un settore turistico che può portare benefici in bassa stagione ai nostri operatori e alle attività produttive della zona».

Commenti