Lavoratore reintegrato a tempo indeterminato, Cisl: «Riconosciuto il diritto di precedenza»

Più informazioni su

GROSSETO – “Una sentenza importante e innovativa, che può costituire un precedente a livello di giurisprudenza”. La Fisascat Cisl di Grosseto commenta così la sentenza con cui un lavoratore della Coopservice, un’impresa multiservizi è stato reintegrato sul posto di lavoro, con un contratto a tempo indeterminato dopo aver avuto vari contratti a tempo determinato sulla base del diritto di precedenza, previsto dal Jobs Act.

“Si tratta della prima sentenza di questo tipo in Italia, che riconosce il diritto di precedenza, ovvero il fatto che un lavoratore che ha avuto già contratti con un datore di lavoro abbia diritto a un posto fisso prima di altri soggetti, e questa decisione del giudice – spiega Katiuscia Biliotti, segretaria generale della Fisascat – apre la strada una più ampia tutela dei lavoratori che vengono assunti a tempo determinato in molti settori e può essere un deterrente per i datori di lavoro. Nei servizi e del commercio, infatti, i tempi determinati sono molto utilizzati, rendendo di fatto rendono la precarietà lavorativa una regola e per noi questo è inaccettabile”.

“Questa decisione rappresenta uno spartiacque nel diritto del lavoro e apre una strada in tutti i settori in cui i tempi determinati sono utilizzati di prassi”. La battaglia legale del lavoratore è stata seguita dalla Fisascat Cisl di Grosseto insieme all’avvocato Silvia Muratori. Al lavoratore sono stati riconosciuti anche tutti gli stipendi a partire dall’interruzione del contratto e fino al momento del reintegro sul posto di lavoro”.

 

Più informazioni su

Commenti