Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’almanacco del Giunco: il 22 gennaio il primo stadio italiano e la Apple presenta il Mac

Più informazioni su

GROSSETO – Mercoledì 22 gennaio, san Vincenzo martire,  il sole sorge alle 7.42 e tramonta alle 17.10. Accadeva oggi:

1506 – Arriva a Roma il primo contingente di guardie svizzere, composto da 150 uomini.

1771 – La Spagna cede le Isole Falkland al Regno Unito.

1824 – Gli Ashanti schiacciano le forze britanniche nella Costa d’Oro.

1840 – I coloni britannici raggiungono la Nuova Zelanda.

1863 – In Polonia, Lituania e Bielorussia scoppia la sollevazione di gennaio. Lo scopo del movimento nazionale è quello di ricostituire la Confederazione polacco-lituana e liberarsi dall’occupazione della Russia.

1879 – Guerra anglo-zulu: truppe zulu sconfiggono le truppe britanniche nella battaglia di Isandlwana.

1899 – I capi di sei colonie australiane si incontrano a Melbourne per parlare della confederazione.

1901 – Edoardo VII diventa re dopo la morte della madre, Vittoria del Regno Unito.

1905 – La ‘Domenica di sangue’ di San Pietroburgo, dà il via alla rivoluzione del 9 gennaio 1905 (calendario ortodosso).

1911 – Inaugurazione dello Stadio del Genoa (poi dal 1933 denominato Stadio Luigi Ferraris), il più antico stadio italiano, a tutt’oggi in uso.

1917 – Prima guerra mondiale: Il presidente statunitense Woodrow Wilson chiede una “pace senza vittoria” in Europa.

1924 – Ramsay MacDonald diventa il 1º Primo Ministro laburista.

1941 – Seconda guerra mondiale: Il Regno Unito strappa Tobruk alle forze dell’Asse nell’Operazione Compass.

1944 – Seconda guerra mondiale: Gli Alleati iniziano l’Operazione Shingle (sbarco di Anzio).

1945 – Seconda guerra mondiale: L’11ª divisione corazzata della III° armata statunitense attraversa il confine lussemburghese.

1947 – Paul Ramadier diventa Primo Ministro di Francia.

1957 – L’Esercito israeliano si ritira dalla Penisola del Sinai (aveva cercato di invadere l’Egitto il 29 ottobre 1956).

1962 – L’Organizzazione degli Stati americani (OAS) sospende Cuba.

1963 – Trattato dell’Eliseo tra Francia e Germania.

1970 – Primo volo commerciale di un Boeing 747, da New York a Londra in 6 ore.

1973
– La Corte Suprema degli Stati Uniti emette la sentenza del caso Roe vs Wade, che cancella le leggi statali che limitano l’aborto ai primi sei mesi di gravidanza;
– George Foreman interrompe l’imbattibilità di Joe Frazier nella sua carriera professionistica di campione del mondo dei pesi massimi di pugilato.

1980 – Andrei Sakharov viene arrestato a Mosca.

1983 – Björn Borg lascia la sua carriera nel tennis dopo aver vinto consecutivamente cinque Tornei di Wimbledon.

1984 – Viene presentato il primo computer Apple Macintosh, con uno spot durante il XVIII° Superbowl.

1987 – Il politico della Pennsylvania Budd Dwyer si suicida in diretta televisiva.

1992
– Forze ribelli occupano la stazione radio nazionale dello Zaire, a Kinshasa, e trasmettono una richiesta per le dimissioni del governo;
– Roberta Bondar diventa la prima donna canadese nello spazio.

1997 – Madeleine Albright diventa la prima donna Segretario di Stato degli USA, dopo essere stata confermata dal Senato degli Stati Uniti.

1998 – Theodore Kaczynski (alias Unabomber) si dichiara colpevole e accetta la condanna all’ergastolo.

2003 – I Paesi Bassi votano per un nuovo parlamento dopo che il precedente era rimasto in carica per soli 86 giorni.

2006 – Evo Morales, eletto con oltre il 53% dei voti, diventa il primo Presidente indio della Bolivia.

2009 – Hillary Clinton viene confermata dal Senato degli Stati Uniti Segretario di Stato.

2018
– George Weah giura come presidente della Liberia succedendo a Ellen Johnson Sirleaf;
– Libia: a Bengasi un attentato terroristico di una cellula terroristica dello Shura Council of Benghazi Revolutionary, coalizione di milizie integraliste islamiche, compiuto con due autobomba, uccide 22 persone e ne fereisce 43.

2019 – L’aereo privato che trasportava l’attaccante argentino Emiliano Sala da Nantes a Cardiff scompare dai radar nei cieli dello Stretto della Manica senza lasciare tracce.

Fonte: il.wikipwdia.org

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.