Nelle scuole torna il progetto “Margherita”: «Così si aiutano i bambini con difficoltà di apprendimento»

GROSSETO – Per il secondo anno consecutivo l’amministrazione comunale di Grosseto aderisce al progetto “Margherita – I laboratori del fare condiviso”, promosso dalla Asl e dagli uffici scolastici provinciali: anche quest’anno è quindi nelle scuole di competenza. Questo a seguito dell’esperienza positiva dello scorso anno e – più in generale – del registrato aumento del numero di bambini con disturbi dello spettro autistico (Asd Autism Sectrum Disorder) anche nella fascia da 0 a 6 anni.

“L’obiettivo, proprio come lo scorso anno – dicono il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore ai Servizi educativi Chiara Veltroni – è dare spazio a tutte quelle iniziative, serie e di qualità, che favoriscono la socializzazione: così si integrano i piccoli che hanno problemi di apprendimento, allo stesso tempo si crea un’occasione di crescita anche per i compagni e le insegnanti. Questo attraverso un approccio innovativo”.

Nel dettaglio: le azioni previste dal progetto “Margherita”, oltre ai laboratori in classe, sono molteplici e consistono nella strutturazione di gruppi di lavoro con gli insegnanti, percorsi di formazione specifica, promozione di nuovi strumenti di valutazione, colloqui all’interno delle scuole a cadenza periodica, tavoli inter-istituzionali tra scuole, Asl e famiglie, incontri con gli Uffici scolastici provinciali e verifiche finali. Saranno coinvolti specialisti del settore.

Commenti