Quantcast

I cittadini fanno fare le analisi «Residui fecali nell’acqua che esce dalle mura»

Più informazioni su

ORBETELLO – Escherichia coli. È quanto è presente, secondo le analisi, nel campione di acqua raccolta da un gruppo di cittadini da alcuni sversamenti dalle mura di Ponente, ad Orbetello.

«L’acqua, specie quando piove, fuoriesce con forza da più punti, da cinque a sette, ma l’odore nauseabondo che emana fa capire da subito che non si tratta di infiltrazioni meteoriche, o comunque non solo di quelle. Anche perché nel mezzo è facile trovare anche pezzi di carta igienica».

Alcuni cittadini si sono messi insieme, si sono tassati e hanno fatto analizzare l’acqua. «Il prelievo lo abbiamo fatto a metà dicembre (il 19. le prove sono andate avanti sino al 23/12). I risultati li abbiamo avuti da qualche giorno, e sono inequivocabili» prosegue uno dei cittadini.

escherichia coli

«Sono due anni che segnaliamo il problema, sempre ignorati dall’amministrazione. Lì c’è un parcheggio, la gente porta quei residui in auto, e poi in casa. È pericoloso per la salute degli uomini, degli animali e soprattutto dei bambini. Sono cose che possono succedere, ma l’amministrazione avrebbe dovuto mandare una squadra della Polizia municipale a controllare, predisporre controlli e far fare le analisi. E invece come quando avvenne al Fossone, che era pieno che comunicava con la Laguna, furono i cittadini ad attivarsi per far analizzare le acque. Dopo venne l’Arpat, ma ci volle l’azione dei cittadini».

«Chi abita nel centro storico è costretto, quando si verifica la cosa, a calpestare escrementi – racconta un cittadino su Facebook – e il tutto poi scorre in laguna dove non ci scordiamo c e il pesce che si vende e pubblicizza».

«Dato che l’acqua piuttosto torbida che fuoriesce si accompagna sempre con un puzzo di natura inconfondibile e in aggiunta ad un tritume di materiale che apparentemente sembra carta igienica (ancora ben visibile sull’asfalto nei parcheggi auto), ci è sembrato doveroso nei confronti di tutte quelle decine e decine di persone che vi transitano, compreso bambini e animali di fare chiarezza sulla natura delle acque stesse».

Più informazioni su

Commenti