Quantcast
Caso termine

Termine non ci sta: «Il licenziamento è un attacco alla democrazia». IL VIDEO video

MONTEROTONDO MARITTIMO – «Io non mi fermo ai ricatti del Comune di Piombino».

Così Giacomo Termine, sindaco di Monterotondo Marittimo e segretario provinciale del Partito democratico di Grosseto commenta la decisione dell’amministrazione guidata da Francesco Ferrari di licenziarlo da dipendete comunale di Piombino.

«L’atto compiuto dal Comune di Piombino – dice Termine – è grave perché mette in discussione innanzitutto la stessa funzione di rappresentanza sociale nell’ordinamento dello stato, consegnando quindi il diritto a svolgere incarichi istituzionali solo ai pensionati ed a coloro che hanno un reddito molto elevato».

 

leggi anche
claudio renzetti 2015
Sindacato
Caso Termine, Cgil: «Violati diritti garantiti dalla Costituzione. Stessa condizione per tanti sindaci di destra»
Francesco Ferrari
Cronaca
Caso Termine, Ferrari: «Non è giusto percepire lo stipendio senza lavorare»
Giacomo Termine
Sindacato
Il Comune licenzia il sindaco «Atto politico gravisssimo»
Consiglio Comunale (sala)
Grosseto
Caso Termine, l’opposizione: «A Grosseto un sindaco è dipendente comunale. Ma è di centrodestra»
Giuseppe Conti
Caso termine
Conti: «Vivarelli Colonna commenta ciò che accade in casa d’altri senza sapere quel che succede nella sua»
Cosimo Ferri
Politica
Il caso Termine arriva in Parlamento. Ferri: «I Comuni rimborsino lo stipendio al datore pubblico»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI