Quantcast

Al via i saldi invernali: ecco quando iniziano. Tutti i consigli per spendere bene

Più informazioni su

GROSSETO – Per la gioia degli amanti dello shopping, l’arrivo dell’anno nuovo porta con sé anche i saldi invernali. A Grosseto, come in tutta la Toscana, gli sconti partiranno ufficialmente sabato 4 gennaio, proseguendo per i 60 giorni successivi, sino a inizio marzo.

Il 41% degli italiani approfitterà dei saldi per acquistare uno o più prodotti, per un budget medio previsto di 168 euro a persona. È quanto emerge dall’indagine previsionale sui saldi condotta da Swg per Confesercenti, che prevede un piccolo calo rispetto al 2019, che ha visto il 48% degli italiani prendere parte agli sconti invernali.

Secondo lo studio di Swg per Confesercenti, in cima ai desideri degli italiani ci sono le scarpe (47% degli intervistati), seguiti dai prodotti di maglieria (45%), capispalla (27%), capi di camiceria (26%), magliette e intimo (entrambi al 22%). Ma c’è anche un 15% in cerca di borse ed un 12% di altri accessori, dalle sciarpe alle cinture.

Per i saldi invernali, gli italiani sceglieranno soprattutto i negozi fisici, destinazioni preferite dai consumatori 8 volte su 10: il 33% degli acquisti durante i saldi, infatti, avverrà in una grande catena o in negozi brandizzati, seguiti da vicino dai negozi indipendenti, cui si rivolgeranno il 28% dei clienti. Il 22% sceglierà infine un outlet, mentre solo il 17% cercherà l’affare scontato sul web.

Come ogni stagione di sconti che si rispetti, le associazioni dei consumatori invitano tutti gli acquirenti a prestare attenzione. Ecco il decalogo proposto dalle associazioni per fare buoni acquisti durante i saldi, evitando truffe e raggiri.

Controllate che il vecchio prezzo sia indicato espressamente, così come lo sconto in percentuale e il prezzo finale.

Diffidate degli sconti eccessivi, superiori alla media del periodo: con molta probabilità si tratta di capi di vecchie stagioni o merce difettosa.

Fate attenzione all’eventuale presenza di capi non scontati tra quelli in saldo. I commercianti devono separare la merce in saldo da quella a prezzo pieno, ma può capitare diversamente.

Confrontate i prezzi tra negozio e negozio per assicurarvi di fare l’acquisto giusto.

I commercianti che possiedono il Pos sono obbligati ad accettare il pagamento con carte di credito o bancomat anche per la vendita della merce in saldo.

Non esiste l’obbligo di far provare i capi: è a discrezione del negoziante. In questi casi, però, controllate bene la merce che avete intenzione di acquistare.

Verificate che i prodotti venduti a saldo siano di fine stagione e non delle stagioni passate.

Conservate sempre lo scontrino come prova d’acquisto. I capi in saldo, salvo diverse disposizioni decise dai negozianti, possono essere cambiati solo se difettosi entro 60 giorni dall’acquisto.

Nel caso in cui venga ravvisata una truffa, l’acquirente può prestare denuncia alla Polizia Municipale o ad una associazione di consumatori.

Per evitare spiacevoli sorprese, stabilite un budget massimo per i vostri acquisti. I saldi prendono la mano e capita spesso di rendersi conto solo dopo gli acquisti quanto si è speso.

Più informazioni su

Commenti