Festa di Natale e visita al centro sportivo con le autorità per l’Invictasauro e i suoi ragazzi

GROSSETO – Grande successo della festa di Natale e della inaugurazione del centro sportivo della Asd Invictasauro di Grosseto, con sede in via Lago di Varano 74. Alla presenza del Sindaco di Grosseto Vivarelli Colonna e degli assessori Rossi, Turbanti e Megale l’evento ha avuto luogo preceduto dal taglio del nastro davanti a circa 500 giocatori e altrettanti genitori. Le autorità cittadine, non appena tagliato il nastro, hanno visitato il centro sportivo, potendo ammirare la stupenda tribuna coperta della capienza di circa 200 persone a sedere, il nuovo campo sintetico di ultima generazione e i lavori in corso per la realizzazione del bar-ristorante di prossima apertura.

Dopo la visita il sindaco si è portato al centro del campo, dove ad attenderlo vi erano i giocatori del settore agonistico e della scuola calcio Elite della Asd Invictasauro, nonché le formazioni giovanili dell’Us Pianese, che come noto sono gestite dal team grossetano. A tutti i giocatori è stato consegnato il dono di Natale e precisamente un almanacco illustrato con le foto di tutti gli atleti, mister e dirigenti, delle due società, una spilla con il logo e un piccolo pandoro o panettone. Il presente Paolo Brogelli e il responsabile tecnico della scuola calcio Elite Maurizio Bruni si sono detti molto soddisfatti e hanno un solo pensiero, ed è quello che vedere le facce sorridenti dei bambini dopo aver preso il loro regalo è la cosa più bella che un dirigente o un allenatore possa avere come ricompensa del notevole lavoro che occorre per fare funzionare una società sportiva. I suddetti inoltre ringraziano il sindaco e gli assessori del Comune di Grosseto per la loro presenza e danno appuntamento per il 6 di gennaio, giorno della Befana, quando nel centro sportivo di via Lago di Varano si terrà un torneo di beneficenza a favore del Comitato della Vita di Grosseto, dove al momento sono già iscritte 40 formazioni di bambini nati negli anni tra il 2009 e il 2014/2015.

Commenti