Contratti dipendenti comunali, Cgil: «Firmato un integrativo a tutela di 500 lavoratori»

Più informazioni su

GROSSETO – Firmato in Comune l’accordo sulla parte incentivante 2019 e il contratto collettivo per il periodo 2019/2021. Una trattativa che ha interessato i circa 500 dipendenti dell’amministrazione comunale del capoluogo.

«Dopo mesi di trattativa – sottolinea il segretario della Fp Cgil, Salvatore Gallotta – abbiamo sottoscritto un accordo che recepisce le nostre richieste di integrazione al documento originario, consapevoli di aver ottenuto molti miglioramenti a tutela dei dipendenti dell’amministrazione comunale di Grosseto e nel pieno rispetto dell’utenza cittadina. Ogni accordo contrattuale, peraltro, è inevitabilmente il frutto di confronto tra parti contrapposte, che genera risultati di un lavoro di mediazione. Ad esempio, abbiamo ottenuto che nell’accordo fossero inserite articolazioni come la reperibilità giornaliere. Che il contrato collettivo nazionale (Ccnl ndr) prevede in 6 giornate, ma che per esigenze di servizio è stata estesa a 12 giorni. Che potranno svolgersi in accordo con i dipendenti».

«Anche rispetto alla “quota economica aggiuntiva” per la maggiorazione del “premio individuale” – prosegue -, siamo riusciti ad ottenere che avvenga solo per il 2% del personale. Così come è stata inserita una migliore regolamentazione degli straordinari ed altri istituti contrattuali. Con la distribuzione di una quota importante di somme che dovevano andare in accumulo per l’anno 2020 pagate poi nel 2021, che su richiesta della Cgil Fp accettata dell’amministrazione, verranno destinate alla produttività del 2019».

«In questo quadro – aggiunge Gallotta – come Cgil Fp non possiamo non sottolineare un elemento fortemente negativo, che nonostante il lungo confronto non ha trovato una soluzione soddisfacente. Ci riferiamo alla mancata meritata più ampia valorizzazione del personale attraverso il riconoscimento di progressioni economiche orizzontali, che è stata rinviata al confronto nel 2020 a causa dello stallo venutosi a creare nelle relazioni sindacali subito dopo l’approvazione del Regolamento delle progressioni orizzontali».

«Questo accordo per i dipendenti dell’Ente – va anvanti il segretario – segue quello già raggiunto sull’orario di lavoro e di apertura degli uffici al pubblico, già reso noto nei giorni scorsi dall’Amministrazione. Accordo rispetto al quale la Fp Cgil ha tenuto conto delle esigenze dei lavoratori, ma sullo stesso piano si è preoccupata di tutelare i bisogni dell’utenza cittadina dei servizi comunali. Con l’obiettivo di facilitarne l’accesso con fasce orarie più elastiche».

«Tutto ciò a dimostrazione del fatto che come Fp Cgil abbiamo lavorato e lavoreremo sempre per ottenere miglioramenti contrattuali stando al merito delle trattative sindacali, senza atteggiamenti strumentali. Non a caso abbiamo firmato il contratto sopra menzionato, dopo esserci opposti a comportamenti precedenti di questa Amministrazione ritenuti non consoni. Tanto che continua in seconda istanza la nostra azione per attività antisindacale (insieme alla Uil Fpl) con ricorso giudiziale presso il Tribunale di Grosseto».

Più informazioni su

Commenti