Pontedera troppo esperta, sconfitta a testa alta per le ragazze della Gea

GROSSETO – La Gea Basketball Grosseto prosegue il percorso di crescita, diverte il suo pubblico, ma si deve arrendere contro il Basket Femminile Pontedera (64-38), uno dei migliori quintetti della serie B femminile. Le biancorosse allenate da Luca Faragli, che torneranno in campo martedì nel recupero di Perugia, hanno iniziato bene, cercando di mettere un freno alle grandi tiratrici pisane, che hanno firmato 27 punti nel primo quarto. Nei primi dieci minuti la grande protagonista nel quintetto di casa è stata la pivot livornese Camilla Amendolea (che ha chiuso con un bel bottino di 22 punti), autrice di quattordici dei quindici punti messi insieme dalle grossetane. La Gea ha lottato anche nel secondo periodo, ma nella ripresa il divario si è allungato ed è venuta fuori tutta la differenza tecnica tra le due formazioni. Da segnalare il rientro in campo di Chiara Camarri, dopo un lungo infortunio, bagnato anche con la realizzazione di due punti. Dieci le triple del Pontedera, due della Gea, firmate da Elena Furi e Angela Sposato (foto di Daniele Mealli).

 
«Sono troppo più forti di noi – commenta il coach Luca Faragli – Il terzo posto in classifica è sicuramente strameritato. Le pisane tirano e fanno canestro e sopperiscono all’altezza con corsa e pressing. Sono però contento della prestazione delle mie ragazze che continuano a crescere. Le partite da vincere per arrivare alla salvezza sono altre, come quelle di Perugia e Pegli».

 

Gea Grosseto-B.F. Pontedera 38-64
GEA GROSSETO: Severini, Masini 4, Amendolea 22, Furi 3, Simonelli, Giulia Camarri 1, Chiara Camarri 2, Bellocchio 2, Sposato 3, Lambardi, Benedetti 1, Di Stano. All. Luca Faragli.
B.F. PONTEDERA: Vilardi, Mben, Ricci 2, Graziani 5, Bartolini, Fabbri 19, Dioum, Stefanini 2, Daddi, Di Salvo 15, Capodagli 11, Russo 10. All. Paolo Pianigiani.
ARBITRO: Gabriele Solfanelli di Livorno e Francesco Marabotto di Pisa.
PARZIALI: 15-27, 28-40; 35-54.

Commenti