Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Presepe a scuola: sì o no? Ecco come avete risposto al nostro #InstaPoll

Più informazioni su

GROSSETO – Torna l’appuntamento con #InstaPoll, i sondaggi che IlGiunco.net propone alla propria community per sapere come la pensa su alcune questioni di interesse generale. Dopo la polemica dell’ultima settimana, che ha visto coinvolto un asilo di Civitella Paganico, vi abbiamo chiesto se siete o meno d’accordo con il presepe nelle scuole. Il 61,3% dei votanti ha risposto di sì.

Ma come la pensano i ragazzi delle medie e delle superiori? Il portale Skuola.net ha effettuato un sondaggio su oltre 11mila studenti in tutta Italia che sottolinea che solo la metà degli studenti celebrerà il Natale come festa cristiana anche nella propria classe. In molti casi, infatti, il Natale continua a trovar spazio a scuola, ma i simboli scelti non sono quelli della tradizione cristiana. Solo il 3% dei ragazzi, ad esempio, ha messo in aula unicamente il presepe. Il 36%, invece, ha fatto solo l’albero. Più frequente la classica accoppiata presepe-albero, presente nella classe del 21% degli intervistati.

Nella maggior parte dei casi ci si limita a semplici addobbi e ghirlande(40%). Il motivo? Il multiculturalismo – così rispondono i ragazzi italiani – dunque per rispetto nei confronti di coloro che professano altre religioni. Oltre il 60% degli studenti, infatti, dice di avere almeno un compagno di classe appartenente a una fede differente da quella cattolica (in circa un caso su 10 questi ragazzi rappresentano la metà, se non oltre, degli alunni).

Per questo, molti istituti si sono adattati al cambiamento delle manifestazioni messe in atto per celebrare l’arrivo del Natale. Uno studente su cinque avrà dunque la possibilità di sperimentare un Natale multiculturale, includendo nei festeggiamenti tradizioni e religioni diverse dalla propria. Tra gli eventi alternativi troviamo concerti, assemblee d’istituto, mercatini e feste, dove è richiesto di portare cibi tipici della propria tradizione natalizia e/o invernale delle varie culture, così da poter vivere appieno le usanze dei propri compagni di classe.

Tutte queste iniziative incontrano l’appoggio della maggior parte dei ragazzi: il 58% si dice d’accordo con l’idea di introdurre e festeggiare anche usi e costumi differenti. A opporsi solo un l’8% degli intervistati. Il restante 35%, invece, si dichiara indifferente al dibattito.

Infine, uno studente su dieci non festeggia il Natale a scuola, perché in alcuni casi è stata annullata ogni tipo di iniziativa. Resiste comunque uno zoccolo duro di scuole e istituti, il 22%, che festeggerà il Natale esclusivamente in modo cattolico.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.