La polizia fa irruzione nel palazzo abbandonato e gli occupanti si asserragliano nel sottotetto fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – Si sono asserragliati nel sottotetto dello stabile abbandonato, per cercare di sfuggire all’arresto. La Polizia ieri mattina ha fatto irruzione nello stabile abbandonato di via de Barberi, a Grosseto. Oltre al personale della Questura, c’erano due unità cinofile della Polizia municipale cittadina, i Vigili del fuoco del Comando provinciale e tre equipaggi del Reparto prevenzione crimine di Firenze.

L’operazione aveva il fine di contrastare la criminalità, l’immigrazione clandestina, lo spaccio di sostanze stupefacenti e la prostituzione. Per questo era stata scelta la zona di via De barberi, afflitta da situazione di degrado a causa dei palazzi abbandonati in cui trovano rifugio clandestini dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. Alla vista degli operatori, gli occupanti dello stabile sono fuggiti fino al sottotetto, da dove poi hanno ritirato le scale di fortuna utilizzate, cercando così di ostacolare l’accesso dei poliziotti. Ma, grazie alle scale dei Vigili del Fuoco, gli agenti della Mobile si arrampicavano fino al rifugio e hanno bloccato gli stranieri.

I sei stranieri sono stati accompagnati in Questura per gli accertamenti di rito: si tratta di sei cittadini del Marocco, dei quali due minorenni, irregolarmente presenti sul territorio nazionale: di questi, due maggiorenni ed un minorenne sono stati denunciati per spaccio di sostanze stupefacenti, mentre i quattro stranieri maggiorenni sono stati sottoposti a provvedimento di espulsione da parte dell’ufficio immigrazione della Questura. I minori sono stati affidati ad un centro di accoglienza.

Più informazioni su

Commenti