Al via il “cantiere” d’arte e architettura per riqualificare l’area sportiva dell’ex-Ilva

Più informazioni su

FOLLONICA – Avrà inizio domenica 15 dicembre il “cantiere” aperto per la riqualificazione del campo di basket nell’area ex-Ilva.
Grazie al progetto “La fabbrica della città”, curato dalla Cooperativa Arcobaleno insieme alle associazioni cittadine, finalmente il campetto adiacente alla Scuola Media Bugiani potrà tornare ad essere utilizzato.

La modalità di recupero è particolarmente originale ed innovativa, perché sarà un intervento di arte urbana a dare una nuova immagine e una nuova fruibilità all’area sportiva.

Il progetto è opera dello studio di architettura pratese Ecòl, giovanissimi ma già pluripremiati per interventi similari. Prato, Pistoia, ma anche Vienna, Vilnius (Lituania) e Taipei (Cina) sono le città che hanno ospitato loro realizzazioni, e anche Follonica entrerà in questo particolare circuito artistico, caratterizzato da “tappeti urbani grafici” realizzati con le vernici normalmente utilizzate per la segnaletica stradale.

Il lavoro degli architetti pratesi consoliderà la vocazione artistica dell’area ex-Ilva, che già ospita murales realizzati da importanti artisti contemporanei come Ache77, ExitEnter, Zed1, e nascerà con la partecipazione attiva dei giovani atleti del Follonica Basket, degli adolescenti di SpaziRagazzi e di giovani studenti universitari che hanno già collaborato nella prima fase progettuale e che opereranno, nei giorni del cantiere aperto, per supportare la realizzazione dell’intervento.

Un progetto collettivo, che vede impegnati anche l’associazione Textus, Fonderia3, e i volontari della Vab – Vigilanza antincendi boschivi. Il percorso di recupero che si concluderà con la prossima installazione dei nuovi canestri, permessa grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale.

Per chiunque voglia assistere ai lavori il cantiere sarà attivo le intere giornate di domenica e lunedì e il martedì mattina. Il progetto “La fabbrica della città” è finanziato dalla Regione Toscana, con il bando “Toscanaincontemporanea”.

Info

Più informazioni su

Commenti