Elettromar premia “la meglio gioventù” di tutta la Toscana nel giorno della “messa in servizio” fotogallery

L'azienda follonichese ha consegnato borse di studio agli studenti più meritevoli nella tradizionale serata di “Messa in servizio” alla Fonderia Uno di Follonica

Più informazioni su

FOLLONICA -Elettromar ha festeggiato il trentottesimo anno di attività con la tradizionale serata conviviale di “Messa in servizio” nella Fonderia Uno di Follonica. Per l’azienda follonichese – impresa specializzata nella realizzazione di sistemi integrati di automazione industriale che da tempo ha assunto una dimensione internazionale – è stata l’occasione di riunire dirigenti e dipendenti, autorità e amici per presentare il bilancio dell’attività svolta nel corso dell’anno, scambiarsi gli auguri in vista dell’arrivo delle festività natalizie ma soprattutto consegnare le borse di studio agli studenti più meritevoli che frequentano gli istituti superiori e le medie inferiori del territorio che si sono particolarmente distinti nelle materie scientifiche. Riconoscimenti intitolati alla memoria di Sauro Fratoni Tonti, uno dei fondatori dell’azienda.

Messa in servizio 2019 Elettromar

Gli studenti premiati sono stati Benedetta Fazzi (Itis “Enrico Fermi” di Lucca), Davide Mengoni (Polo tecnologico “Manetti-Porciatti” di Grosseto), Riccardo Marrone e Pascal Urfer (Istituto “Bernardino Lotti” di Massa Marittima) e Massimiliano Anello (Istituto statale di istruzione superiore “Carducci-Volta-Pacinotti” di Piombino). Premi anche alle giovanissime studentesse che si sono distinte ai Giochi della matematica: Aurora Nannini (categoria CE), Eva Nuti (categoria C1) e Michelle Accolla (categoria C2).

Come ogni anno Elettromar ha versato un contribuito a favore di Unicef. Alla serata in Fonderia Uno hanno partecipato anche il sindaco di Follonica, Andrea Benini, e il consigliere regionale Leonardo Marras. Confindustria Toscana Sud era rappresentata dal presidente della delegazione di Grosseto, Francesco Pacini, con il responsabile di delegazione Giovanni Mascagni.

Più informazioni su

Commenti