Sanità, Marrini «Risorse infermieristiche insufficienti: il piano varato fin’ora è un solenne fiasco»

GROSSETO – «Dopo aver letto la risposta dell’Azienda, ritorniamo ancora sull’attuale problema della sanità sollecitato da tanti cittadini. È innegabile che le risorse infermieristica ed oss del Misericordia sono nettamente insufficienti» afferma Sandro Marrini, coordinatore provinciale di Forza Italia. «Riteniamo che il piano varato fin’ora dal dipartimento infermieristico presenti le caratteristiche di un solenne fiasco. È uscito tardi dopo aver tenuto paralizzato il turn over infermieristico per anni, è costato cifre elevate, si dice a sei zeri, ha creato incarichi, ma non ha assunto il personale che lavora in prima linea. Magari si potevano acquisire più infermieri limitando le promozioni da dare a quelli meritevoli sul campo. Sul piano degli oss la situazione è ugualmente estremamente precaria, sono in numero insufficiente per le necessità e spesso vengono anche essi impiegati in ruoli diversi come per i “trasporti” e sottratti pertanto all’assistenza e cura delle persone».

«In particolare nei PPSS, così come nelle sale operatorie e nelle corsie dove i contingenti necessari di infermieri ed oss vanno garantiti, non si può, come lamentano giustamente i sindacati, ricorrere alla pratica costante del richiamo in servizio sottraendo sistermaticamente agli operatori il giorno di riposo previsto dal contratto, ledendo così i diritti sacrosanti dei lavoratori. Oltretutto questo stressa il clima interno delle strutture configurando quadri di possibile rischio clinico. Inoltre vengono sacrificati o comunque lesionati in modo pesante progetti innovativi e di alta professionalità infermieristica come il “see and treat” che a Grosseto rappresenta una punta di eccellenza che, proprio per la cronica mancanza di personale, viene purtroppo penalizzato».

«Questa è la situazione attuale alla quale l’Azienda rispondeva ieri con promesse milionarie, faraoniche che, se mantenute saranno ben gradite, anche se siamo molto scettici e ci crederemo solo quando le vedremo applicate. Sorgono inoltre alcune riflessioni ovvero perché si corra ai ripari così tardivamente e dopo aver creato disagi a personale ed utenti. Come mai solo dopo che sindacati e politica hanno ripetutamente denunciato la situazione si riconosce che c’è un problema? Non dovrebbero essere i direttori di dipartimento a vigilare sulle risorse umane, redigere i carichi di lavoro e fare le opportune assunzioni? Perché se questo deve essere fatto da politica e sindacati, allora forse è meglio risparmiare certi stipendi. Noi come Forza Italia ribadiamo la necessità non più eludibile di procedere celermente e senza rimpalli di responsabilità a rapide soluzioni, anche tampone, come l’assunzione di personale interinale o altre forme di incentivazione, in attesa di quelle definitive per potenziare il personale del Misericordia del quale è nota la professionalità ed al quale è rivolta la nostra stima e solidarietà» conclude Sandro Marrini.

Commenti