Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il palazzo comunale si colora di viola per la Giornata per la lotta contro il tumore al pancreas

Più informazioni su

MONTEROTONDO MARITTIMO – “Facciamo luce sul tumore al pancreas”: con questo obiettivo, giovedì 21 novembre, in tutta Italia, si celebra la Giornata nazionale per la lotta contro il tumore al pancreas al fine di sensibilizzare i cittadini sulla prevenzione e la cura della malattia. Anche Monterotondo Marittimo aderisce illuminando di viola il Palazzo comunale, per accendere i riflettori su un “killer silenzioso”, ancora troppo poco conosciuto.

La campagna “Facciamo luce sul tumore al pancreas” è sbarcata in Italia nel 2015 grazie all’impegno dell’associazione Nastro Viola onlus e riscuote ogni anno un successo sempre crescente. Diverse città italiane illumineranno di viola palazzi, monumenti, edifici, piazze e luoghi simbolici e rappresentativi al fine creare consapevolezza sulle neoplasie pancreatiche e richiedere alle istituzioni di impegnarsi a promuovere informazioni e campagne di prevenzione.

La campagna di sensibilizzazione, che a livello mondiale coinvolge luoghi celebri come le cascate del Niagara e la Opera House di Sidney, nasce con l’obiettivo di portare l’attenzione pubblica su una patologia che in Italia, ogni anno, colpisce oltre 13mila persone.

La diagnosi precoce è resa difficile in quanto i sintomi maggiormente riconducibili a questa malattia appaiono solo in stato avanzato. I campanelli di allarme maggiormente frequenti sono costituiti da ricorrenti disturbi dell’apparato digerente, improvviso calo di peso, persistenti dolori addominali che si irradiano alla schiena, urine scure, feci di colore chiaro, nausea, vomito, comparsa improvvisa di diabete, prurito ed ittero (colorazione giallastra della cute e della parte bianca dell’occhio).

L’idea è quella che, con gesti anche semplici, si possa modificare la storia naturale di questo “killer silenzioso” che ancora, a cinque anni dalla diagnosi, ha una mortalità stimata del 90% e che, nonostante questo, riceve soltanto il 2% dei fondi europei destinati alla ricerca.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.