Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tromba d’aria devasta le case: chiesto lo stato di calamità. Danni anche in Laguna fotogallery

ORBETELLO – 20 sfollati tra cui anche quattro bambini e diverse case distrutte questo il bilancio della violenta tromba d’aria che si è abbattuta sulla zona di Polverosa nella notte e per cui il sindaco di Orbetello, Andrea Casamenti, ha chiesto lo stato di calamità naturale.

Per chi ha perso tutto il Comune di Orbetello sta aprendo anche un conto corrente: «Sarà avviata una raccolta fondi – spiegano il vicesindaco Chiara Piccini e il senatore Roberto Berardi – per sostenere le famiglie che hanno perso la casa, faremo tutto il possibile per sostenere i cittadini danneggiati dalla tromba d’aria». Intanto gli sfollati, dopo essere stati accolti al palazzetto, adesso sono stati dislocati in diverse strutture.

Per sostenere le famiglie in difficoltà si è attivata anche l’associazione Con Albinia nel Cuore, costituitasi per sostenere chi era stato colpito dall’alluvione del 2012: «L’Associazione Con Albinia nel Cuore esprime vicinanza a tutte le famiglie colpite dalla tromba d’aria di questa notte. Come prima emergenza di aiuto, rimetteremo in commercio i braccialetti “Con la Maremma nel Cuore” e l’intero ricavato andrà alle famiglie colpite. Come per il 2012, il costo del braccialetto sarà di 5 euro, ma è possibile donare di più. Verranno distribuiti in tutta Italia, e ci auguriamo un piccolo contributo da parte di tutti. A breve dove trovare i braccialetti».

Il maltempo non ha risparmiato nemmeno altre zone del territorio di Orbetello, ad Ansedonia si sono registrati gravi danni per l’attività di itticoltura: «I danni ci sono stati – spiega il presidente della cooperativa I Pescatori, Pierluigi Piro – il livello dell’acqua si alzato tanto che abbiamo perso il pesce, ma ancora non è possibile sapere quanto. Per il momento ci interessa di più l’incolumità delle persone e stiamo lavorando per tenere sotto controllo il livello della Laguna».

«In questo momento – aggiunge Berardi – la situazione è sotto controllo, sta lentamente migliorando ma è meglio essere prudenti e continuare a limitare gli spostamenti».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.